Google+

Ma Balotelli può piangere per gli affari suoi o deve essere per forza colpa dei cori razzisti?

febbraio 10, 2014 Emmanuele Michela

Sabato sera l’attaccante del Milan è scoppiato a piangere dopo la sostituzione nella gara contro il Napoli. E in America se la sono presa col tifo e i presunti insulti dei napoletani

Balotelli_piange_milan_NapoliIl politically correct è un vecchio registratore gracchiante. E appena i suoi sensori iper-ricettivi avvertono avvisaglie di odio o discriminazione, il disco dell’indignazione parte a girare, incurante se la realtà dei fatti poi lo contraddice apertamente. “Vergogna Napoli, città razzista”, è il succo dei tanti tweet che all’estero hanno commentato le immagini delle lacrime di Mario Balotelli dopo la sostituzione nella gara tra il Milan e i partenopei. Schiere di commentatori che si sono impietositi davanti alla foto dell’attaccante rossonero rattristato in panchina, e che alla vista di ciò non hanno aspettato un istante a puntare il dito contro il razzismo.

LE LACRIME DELL’ATTACCANTE. In realtà, sabato sera a Napoli nessuno aveva rivolto a Balotelli ululati o insulti a sfondo razziale. Le lacrime erano tutte di Mario: forse per il dispiacere di non essere riuscito ad aiutare la squadra in un momento complicato o forse per un semplice scoramento personale. Quando quell’immagine ha cominciato a girare sui social netwok, a twittare per prima il suo «shame, Napoli, shame» è stata Mona Eltahawy, giornalista statunitense e nota femminista. «Il razzismo non ha posto nel calcio. Mario Balotelli in lacrime dopo gli scherni razzisti allo stadio San Paolo», erano i suoi messaggi.

L’OBAMA DIARY. Da lì l’indignazione si è trasmessa, da utente a utente, costringendo la società stessa a smentire a fine partita gli episodi di razzismo. A riprendere il tweet della Eltahawy anche il profilo Obama Diary, che raccoglie immagini e messaggi dalla Casa Bianca: in questo modo la foto è diventata virale, manifesto on-line dell’ultima battaglia sportiva nella guerra al razzismo.

ITALIA RAZZISTA. Eltahawy, di fronte alla smentita, non ha fatto una piega: nei suoi tweet ha spiegato che il problema discriminazione esiste comunque, lasciando intendere che valeva quindi la pena parlarne, anche se sugli spalti non era successo nulla. E così via a ricordare i cori contro i napoletani, il gesto di rabbia di Boateng, le celtiche e le svastiche in tante curve di casa nostra. Tutti cose che capitano, per carità. Ma anche una volta che non capitano, perché inventarsele?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

A Milano settembre è il mese più bello. Anche per pedalare. Il 17 mattina l’hanno pensato in tanti, circa 1.800, schierati alla partenza della prima edizione della GF Milano. Dopo una notte di pioggia, infatti, lo sguardo poteva abbracciare verso nord il profilo innevato delle montagne, nella direzione che avrebbe preso la corsa. Due le […]

L'articolo GF Milano, in gara dalla città al cuore della Brianza proviene da RED Live.

Le righe, si sa, rubano la scena a qualsiasi altro indumento del guardaroba e non tutti se le possono permettere. Ciò che ha fatto Rapha con questa fantasia, protagonista della nuova collezione Cross, è stato scegliere un accostamento di tonalità elegante e, soprattutto, ispirato all’abbigliamento indossato da Jeremy Powers (Rapha-Focus Team) alla conquista del titolo di campione nazionale […]

L'articolo Rapha presenta la nuova collezione Cross proviene da RED Live.

F1 2017 è un generatore virtuale di adrenalina. Un racing game emozionante e coinvolgente, completamente personalizzabile in base alle proprie esigenze. Il nuovo gioco di Codemasters affina la buona ricetta del 2016 e (ri)propone un solidissimo “simcade”, ovvero un efficace ibrido tra simulazione impietosa e arcade permissivo, immediato e profondo. Il risultato? Senza controllo di trazione […]

L'articolo F1 2017 è pura adrenalina virtuale proviene da RED Live.

Con il nuovo Peugeot Belville, la Casa del Leone s’inserisce in uno dei mercati più floridi in assoluto: quello degli scooter piccoli a ruota alta. È disponibile in due cilindrate (125 e 200) con prezzi a partire da 2.950 euro

L'articolo Prova Peugeot Belville proviene da RED Live.

Che Kia sia un’azienda coreana Doc è assodato ma è altresì vero che il suo quartier generale europeo si trova ad appena 500 metri dall’entrata del Salone di Francoforte. E’ quindi normale che Kia viva la kermesse tedesca in modo speciale, come la fiera di casa, quella in cui sfruttare il fattore campo favorevole per […]

L'articolo Kia Proceed Concept: il futuro passa da qui proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana