Google+

M5s, dov’è la svolta garantista? È sempre uno (Grillo) che decide per tutti

gennaio 3, 2017 Redazione

Ora, in alcuni casi, sarà valutata la “gravità” dell’avviso di garanzia. È chiaro che la “svolta” sia da collegare con le vicende di Roma e del sindaco Raggi

Indicare una svolta garantista nel Movimento cinque stelle di Beppe Grillo è una barzelletta. Al massimo, come ha titolato l’Huffington Post, si può parlare di “garantismo dalle mani libere”. O, più efficacemente, tradurre il nuovo codice di comportamento, che oggi sarà votato on line dagli iscritti, con un “decido io” (dove “io” sta per Beppe Grillo).

Se si vanno a leggere i sei punti sottoposti al voto, ci si accorge che di cultura garantista c’è ben poco. Certo, rispetto all’immagine che il M5S ha sempre cercato di dare di sé (il partito degli onesti che non fa sconti alla casta), è una novità il fatto che si specifichi che «la ricezione, da parte del portavoce, di “informazioni di garanzia” o di un “avviso di conclusione delle indagini” non comporta alcuna automatica valutazione di gravità dei comportamenti potenzialmente tenuti dal portavoce stesso». Se fino a ieri, per essere messi ai margini del Movimento, bastava che sui giornali apparisse l’annuncio di una qualche indagine, ora pare trapelare una qualche cautela.

Così pare. Ma poiché nessuno è fesso, è chiaro che tale “svolta” sia da collegare con quanto accaduto a Roma e a quanto, come raccontano ormai da settimane i quotidiani, potrebbe accadere a breve al sindaco Virginia Raggi. Per il resto, il codice concentra tutte le decisioni nella mani del garante, al Collegio dei probiviri e al Comitato d’appello. Che è un modo carino per dire che nel partito dell'”uno vale uno” c’è un uno che decide per tutti.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo la linea di scarpe presentate lo scorso anno, ecco arrivare tutto ciò che ci vuole per completare il look: maglie, salopette, body, guanti e calze. Capi performanti e hi-tech, che saranno disponibili da metà febbraio.

Sarà la regina del catalogo Pinarello e il cavallo di battaglia degli atleti del Team Sky. Materiali ipertecnologici, soluzioni innovative, promesse di maggior efficacia, potenza e leggerezza, è cugina della bicicletta con cui Wiggins ha stabilito il record dell'ora

Protegge dal freddo d'inverno e, grazie alle numerose prese d'aria nei punti clou, rinfresca d'estate. Costa 429,90 euro.

A due mesi dal Salone di Ginevra Toyota svela due foto della nuova variante sportiva della gamma Yaris 2017. Le sue forme anticipano il facelift che toccherà anche le versioni più tranquille

A Ingolstadt si sono stufati di stare a guardare gli acerrimi rivali di BMW e Mercedes spartirsi la torta nel ricco segmento dei grandi SUV con taglio da coupé. Audi si appresta dunque a gettarsi nella mischia con un nuovo modello che arriverà sul mercato nel 2018 e che avrà un compito ben preciso: alzare […]

banner Mailup
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana