Google+

M5s, dov’è la svolta garantista? È sempre uno (Grillo) che decide per tutti

gennaio 3, 2017 Redazione

Ora, in alcuni casi, sarà valutata la “gravità” dell’avviso di garanzia. È chiaro che la “svolta” sia da collegare con le vicende di Roma e del sindaco Raggi

Indicare una svolta garantista nel Movimento cinque stelle di Beppe Grillo è una barzelletta. Al massimo, come ha titolato l’Huffington Post, si può parlare di “garantismo dalle mani libere”. O, più efficacemente, tradurre il nuovo codice di comportamento, che oggi sarà votato on line dagli iscritti, con un “decido io” (dove “io” sta per Beppe Grillo).

Se si vanno a leggere i sei punti sottoposti al voto, ci si accorge che di cultura garantista c’è ben poco. Certo, rispetto all’immagine che il M5S ha sempre cercato di dare di sé (il partito degli onesti che non fa sconti alla casta), è una novità il fatto che si specifichi che «la ricezione, da parte del portavoce, di “informazioni di garanzia” o di un “avviso di conclusione delle indagini” non comporta alcuna automatica valutazione di gravità dei comportamenti potenzialmente tenuti dal portavoce stesso». Se fino a ieri, per essere messi ai margini del Movimento, bastava che sui giornali apparisse l’annuncio di una qualche indagine, ora pare trapelare una qualche cautela.

Così pare. Ma poiché nessuno è fesso, è chiaro che tale “svolta” sia da collegare con quanto accaduto a Roma e a quanto, come raccontano ormai da settimane i quotidiani, potrebbe accadere a breve al sindaco Virginia Raggi. Per il resto, il codice concentra tutte le decisioni nella mani del garante, al Collegio dei probiviri e al Comitato d’appello. Che è un modo carino per dire che nel partito dell'”uno vale uno” c’è un uno che decide per tutti.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

È una ribelle per tradizione. In un mondo dove tutto viene racchiuso e catalogato entro rigidi schemi, la nuova Suzuki Swift non tradisce lo spirito del precedente modello e scardina, ancora una volta, l’esistente. Non è infatti una city car, dato che con una lunghezza di 3,84 metri risulta più grande rispetto a una Fiat […]

L'articolo Prova Suzuki Swift 1.0 BoosterJet SHVS proviene da RED Live.

COSA: MADESIMO FREERIDE FESTIVAL, tutto il bello del FR   DOVE E QUANDO: Skiarea Valchiavenna di Madesimo, 24-26 marzo Un finale di stagione dedicato ai puristi del freeride così come a tutti gli appassionati di montagna a 360 gradi, che potranno essere protagonisti di una grande festa a base di proiezioni video, après ski, freeride clinics […]

L'articolo RED Weekend 24-26 marzo, idee per muoversi proviene da RED Live.

Théoule-Sur-Mer (Francia) – Voglia di moto? Il nuovo Ducati Monster 797 sembra fatto apposta. Progettato per chi delle due ruote ama il senso di libertà, l’approccio facile, il peso contenuto e la facilità di guida. E ispirato senza mezzi termini ai primi Monster “piccoli”, a partire dal 600 lanciato nell’ormai lontano 1994. Il 797 deve […]

L'articolo Prova Ducati Monster 797 proviene da RED Live.

L’inversione di tendenza è sotto gli occhi di tutti. Dopo un periodo di splendore, in cui sono state scelte da una gran quantità di famiglie, le monovolume stanno inesorabilmente passando di moda. Per molti potrebbero essere ancora una scelta valida – a volte anche la migliore – ma SUV e crossover hanno messo da tempo […]

L'articolo Vista e toccata – Opel Crossland X proviene da RED Live.

Ci sono le moto da gara derivate da quelle di serie e le moto di serie derivate da quelle da gara. La differenza non è sottile, implica una filosofia progettuale completamente diversa. Il secondo caso è quello che ha dato vita alla Aprilia RSV4, moto studiata prima dal Reparto Corse per correre nella Superbike con […]

L'articolo Prova Aprilia RSV4 RF 2017 proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana