Google+

M5s, dov’è la svolta garantista? È sempre uno (Grillo) che decide per tutti

gennaio 3, 2017 Redazione

Ora, in alcuni casi, sarà valutata la “gravità” dell’avviso di garanzia. È chiaro che la “svolta” sia da collegare con le vicende di Roma e del sindaco Raggi

Indicare una svolta garantista nel Movimento cinque stelle di Beppe Grillo è una barzelletta. Al massimo, come ha titolato l’Huffington Post, si può parlare di “garantismo dalle mani libere”. O, più efficacemente, tradurre il nuovo codice di comportamento, che oggi sarà votato on line dagli iscritti, con un “decido io” (dove “io” sta per Beppe Grillo).

Se si vanno a leggere i sei punti sottoposti al voto, ci si accorge che di cultura garantista c’è ben poco. Certo, rispetto all’immagine che il M5S ha sempre cercato di dare di sé (il partito degli onesti che non fa sconti alla casta), è una novità il fatto che si specifichi che «la ricezione, da parte del portavoce, di “informazioni di garanzia” o di un “avviso di conclusione delle indagini” non comporta alcuna automatica valutazione di gravità dei comportamenti potenzialmente tenuti dal portavoce stesso». Se fino a ieri, per essere messi ai margini del Movimento, bastava che sui giornali apparisse l’annuncio di una qualche indagine, ora pare trapelare una qualche cautela.

Così pare. Ma poiché nessuno è fesso, è chiaro che tale “svolta” sia da collegare con quanto accaduto a Roma e a quanto, come raccontano ormai da settimane i quotidiani, potrebbe accadere a breve al sindaco Virginia Raggi. Per il resto, il codice concentra tutte le decisioni nella mani del garante, al Collegio dei probiviri e al Comitato d’appello. Che è un modo carino per dire che nel partito dell'”uno vale uno” c’è un uno che decide per tutti.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova Multistrada 1260 cambia radicalmente con le novità che riguardano circa il 30% del progetto; smussa gli spigoli vivi del motore precedente motore e guadagna nella guida ora più fluida e rotonda meno reattiva.

L'articolo Prova Ducati Multistrada 1260 proviene da RED Live.

Per le piccole inglesi supersportive è già tempo di pista. Al freddo dell'autodromo di Cremona partono i primi test della stagione. Il nuovo calendario prevede anche una trasferta al Paul Ricard. C'eravamo anche noi

L'articolo MINI Challenge, è già 2018 proviene da RED Live.

La 5 porte giapponese saluta da lontano le quattro generazioni che l’hanno preceduta, mostrando linee più slanciate e tante possibilità di personalizzazione. Si dota inoltre di dispositivi di controllo appannaggio di auto di segmento superiore. Prezzi a partire da 16.700 euro

L'articolo Prova Nissan Micra N-Connecta IG-T proviene da RED Live.

In Spagna lo conoscono tutti, da noi fa sussultare chi negli Anni 70 e 80 sognava il Lobito oppure aveva negli occhi l’inconfondibile colore blu di Pursang e Sherpa… La stella del marchio spagnolo brillò fino al 1983 per poi spegnersi definitivamente. Nel 2014 il pollice di Bultaco torna però ad alzarsi, grazie a uno […]

L'articolo Prova Bultaco Albero 4.5 proviene da RED Live.

Era dai tempi della Tribeca, uscita di produzione nel 2014, che la Subaru non si cimentava nel tema delle grandi SUV. Un’assenza che, dopo anni di successi negli States, ha penalizzato la Casa nipponica. Ora, però, i jap corrono ai ripari presentando, in occasione del Salone di Los Angeles, la nuova Ascent. Una sport utility […]

L'articolo Subaru Ascent: mai così grande proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download