Google+

Luttwak: «L’Europa che esulta per Obama è masochista»

novembre 9, 2012 Benedetta Frigerio

Intervista al politologo americano dopo le presidenziali. «Romney? Non era credibile, ma avrebbe tranquillizzato i mercati». «Il soft power obamiano? È andato di moda per due settimane»

«Non cambierà molto. L’America si è tenuta Obama perché non ha le mani libere su ciò che conta, mentre Romney non era un’alternativa abbastanza forte». A commentare il risultato delle elezioni presidenziali americane è Edward N. Luttwak, economista e politologo americano. «Il processo di cambiamento dell’America, e quindi della sua classe dirigente, non è veloce come potrebbe apparire dal voto. A dirlo è il fatto che la Camera è ancora repubblicana. Questa negli Stati Uniti è molto più importante del presidente, perché è lì che si decide della politica interna del paese. Gli americani hanno scelto una Camera ancora conservatrice. Se dunque la classe politica, insieme al paese, tendono a europeizzarsi siamo ancora lontani dal traguardo. Certo preoccupa che gli Stati più in crisi abbiano votato Obama, significa che preferiscono affidarsi all’assistenzialismo invece che agire secondo la strada tradizionale».

Due anni fa, alle elezioni di Midterm, gli americani hanno dato un segnale contrario ad Obama, eleggendo una maggioranza repubblicana.
Questo è successo perché gli elettori distinguono tra il voto al presidente e quello di midterm, che riguarda Camera e quindi gli affari domestici. In più Romney non rappresentava un’alternativa abbastanza forte: non ha convinto tutti i cristiani d’America perché i mormoni non sono considerati da tutti tali; pur avendo cinque figli, nessuno di loro ha mai prestato servizio nelle forze armate e ciò per i patrioti e i tradizionalisti è una debolezza. Infine, Obama aveva a disposizione un patrimonio e una macchina organizzativa molto più grande ed efficace di quella del candidato repubblicano.

I mercati finanziari non hanno festeggiato la vittoria di Obama. Rimane preoccupante il debito pubblico generato dalla presidenza Obama. Cosa si farà per rispondere?
Obama non può fare nulla, andrà avanti con la sua politica europeista e con la Camera che si opporrà ad essa. È un peccato perché Romney avrebbe tranquillizzato i mercati, riprendendo una politica classica, più sussidiaria, leggera e capace di generare lavoro.

Eppure l’Europa, che avrebbe bisogno di una ripresa americana, ha esultato.
L’europa è masochista, è malata e si compiace dell’espandersi della sua malattia anziché volere la cura.

Si dice che un presidente americano al secondo mandato, non avendo il problema della rielezione, sia più libero. 
Non sarà più libero in politica interna, per le ragioni già dette, ma in politica estera sì. Su questo fronte non c’è da preoccuparsi perché qui la sua azione è in linea con la tradizione. Obama ha agito con decisione in circostanze in cui molti governi europei avrebbero esitato. Davanti ai terroristi non si è chiesto che psicologia ci fosse in chi si fa esplodere, non ha cercato di comprendere un nemico spietato, né di dialogare. I terroristi sono terroristi e li ha fermati immediatamente usando i droni. “Soft power”, il termine coniato dal professore di Harvard Joseph Nye, alla Casa Bianca è andato di moda per due settimane sole.

Come evolverà la posizione del presidente nei confronti dell’atomica iraniana?
Proprio prima delle elezioni Obama ha firmato un accordo con Israele. Siccome per la prima volta le sanzioni stanno funzionando si è scelto di dare all’Iran un’altra opportunità in attesa che fermi l’atomica. Se questo non succederà, i due governi agiranno insieme: Israele si muoverà coordinatamente con gli Stati Uniti. Se Obama venisse meno all’accordo, ricominciando a trattare con l’Iran (non si può più fare, vista la perdita di tempo delle trattative degli ultimi dieci anni), allora Israele agirebbe da sé. Non credo quindi che ci saranno sorprese.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana