Google+

L’uragano Sandy? È tutta colpa del riscaldamento globale

novembre 2, 2012 Redazione

Secondo l’ultimo numero della rivista americana la causa dell’uragano sarebbe il global warming. Ma ci pensano gli scienziati a smascherare la bufala

Bloomberg Businessweek, settimanale americano, ieri ha titolato così la sua rivista: «It’s global warming, stupid». Ogni riferimento all’uragano Sandy, la tempesta tropicale che ha colpito New York e il vicino New Jersey lasciando dietro sé una scia notevole di cadaveri, non è casuale. Anzi. Il giornalista Paul Barret punta il dito proprio contro il progressivo riscaldamento dei mari e della temperatura atmosferica, di chiara matrice antropica. A cui si aggiunge il mancato utilizzo delle energie rinnovabili, garante di sanità fisica e salvezza dalle catastrofi, che nel paese di Obama e Romney si attesta sul 15 per cento dell’intero consumo.

URAGANO UMANO. Che questo problema torni prepotentemente a pochi giorni dalla campagna elettorale, può far pensare. Detto ciò, l’ecologismo ideologico della rivista può ripiegarsi su se stesso. Infatti, non è la prima volta che la metropoli dell’East Cost è stata oggetto di uragani. In un editoriale sul Foglio si scrive infatti che «nel 1938, ad esempio (quando il global warming non c’era ancora) un uragano di categoria 3 colpì la costa del New England facendo 600 morti. Da allora il progresso ha permesso di ridurre le vittime di fronte a eventi simili, ma sono anche aumentate le infrastrutture esposte al danneggiamento». È consigliabile dare una scorsa all’ultimo report dell’Ipcc (gruppo di scienziati dedito allo studio dei cambiamenti climatici): è ancora lontana un’eventuale certezza di relazione tra i cicloni e il riscaldamento antropico.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana