Google+

Lupi, Squinzi e Maroni al convegno sulle infrastrutture. La firma per Teem e il nodo Alitalia

febbraio 8, 2014 Matteo Rigamonti

Al convegno organizzato dalla Fondazione Tempi si sono confrontati il ministro, il presidente di Confindustria e quello di Regione Lombardia. La cronaca dell’evento

LUPI-MARONI-SQUINZI-TEMPISesto San Giovanni (Mi). Il ministro Saccomanni ha firmato il decreto per il finanziamento delle opere Teem e Brebemi. Questa la notizia portata oggi dal ministro Maurizio Lupi al convegno organizzato dalla Fondazione Tempi e tenutosi a Sesto San Giovanni. “Quali infrastrutture per lo sviluppo del Nord?”, questa la domanda tema su cui sono stati chiamati a confrontarsi, oltre al ministro, il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, e Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria. L’incontro si è aperto con il saluto del presidente della provincia, Guido Podestà. A fare gli onori di casa, Luigi Amicone, direttore del settimanale Tempi.

LA TEEM SI FARA’. Lupi ha così dato notizia della firma, rispondendo a Maroni che chiedeva quanto tempo mancasse. “La Teem si farà perché è un’opera strategica. Quindi, nessuna preoccupazione”. Il ministro ha assicurato che il decreto per la Tangenziale esterna est di Milano (Teem) è stato firmato. “L’ho visto con i miei occhi”, ha aggiunto. “L’allarme Teem non c’è, nel senso che su Teem c’è una decisione forte presa dal governo insieme con la Regione Lombardia e con tutti gli enti coinvolti ed è stato effettuato il closing finanziario il 31 dicembre. Il governo ha messo le risorse. Il ministro delle Infrastrutture e il ministro dell’Economia hanno firmato il decreto”.

MALPENSA E ALITALIA. Lupi si è soffermato anche sulla vicenda Alitalia-Ethiad e sulle preoccupazioni per quanto riguarda lo scalo di Malpensa. Preoccupazioni che, ha spiegato, sono infondate, ingigantite da indiscrezioni stampa secondo cui la compagnia araba sarebbe intenzionata a puntare su Fiumicino relegando l’hub Lombardo a un ruolo di secondo piano. “Nel piano nazionale degli aeroporti presentato dal governo, Malpensa è stato ritenuto un aeroporto strategico per il Paese. L’alleanza Alitalia-Etihad è un’alleanza forte e se si concluderà, come mi auguro, rilancerà finalmente la nostra compagnia di bandiera non come compagnia regionale ma come grande compagnia internazionale”. Lupi ha poi sottolineato che “dovremmo essere tutti convinti e contenti di questa strada. Malpensa è il secondo hub più importante del Paese. Etihad ne ha ben coscienza e quindi nei piani che sono almeno a mia conoscenza anche per Etihad Malpensa rivestirà ancora di più un ruolo fondamentale”. “Detto questo – ha aggiunto – sono giuste le preoccupazioni che arrivano. Ci confronteremo, ma questo governo e in particolare il sottoscritto si è sempre fatto misurare sui fatti e non sulle parole”.

MARONI E SQUINZI. Maroni ha rilanciato l’importanza del “progetto di una Macroregione del Nord che comprenda Lombardia, Piemonte, Veneto, Liguria ed Emilia Romagna”, soprattutto per quanto riguarda “il tema delle infrastrutture” in vista di Expo 2015. La macroregione, infatti, permetterebbe di affrontare con una visione d’insieme “quattro grandi ambiti” delle infrastrutture come: i trasporti pubblici, il trasporto merci, i trasporti aeroportuali e la rete autostradale.
Il presidente Squinzi ha poi spiegato come sia fondamentale “far ripartire il Nord per far ripartire il Paese” mettendo al centro del suo intervento la “questione settentrionale”. Una “questione che vede al centro l’emergenza lavoro: la manifattura italiana – ha infatti spiegato Squinzi – ha perso il 25 per cento dei suoi volumi, nonostante non manchino settori, come quelli delle macchine da imballaggio, l’alimentare o il farmaceutico, che  crescono soprattutto grazie ai successi dell’export”. Il problema, pero, ha precisato il numero uno di Confindustria, è che “senza un sistema paese gli ostacoli diventano più difficili da affrontare”. “Abbiamo bisogno di un paese normale – ha detto Squinzi – dove i costi del lavoro siano contenuti, il fisco meno oppressivo e i tempi della giustizia più rapidi”. Parlando di infrastrutture ha sottolineato la necessità della digitalizzazioone e della banda ultralarga.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Remo, Luca e Bifocale scrive:

    Chiediamo perdono per la nostra cristianofobia.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana