Google+

Lupi: Non siamo grillini e non voteremo mai i 5 Stelle

maggio 14, 2012 Redazione

Maurizio Lupi spiega perché non è possibile paragonare il movimento del comico a Forza Italia. E dà indicazioni e criteri su chi sostenere ai prossimi ballottaggi a Parma, Genova e L’Aquila.

«E perché no», aveva detto al Giornale il coordinatore lombardo del Pdl Mario Mantovani, in un’intervista pubblicata il 9 maggio. Mantovani rispondeva all’interrogativo se valesse la pena allearsi col Movimento Cinque Stelle di Grillo in occasione dei ballottaggi che si terranno in alcune città il 20 e 21 maggio. Secondo Mantovani «è vero che a volte sono un po’ spinti nelle loro posizioni, ma noi eravamo al governo con un partito che chiedeva la secessione». Il coordinatore proseguiva nella sua analisi sottolineando che «loro (i grillini, ndr) sono a favore della buona politica e contro la cattiva politica. Non è antipolitica», arrivando a paragonarli alla «rivoluzione di Forza Italia negli anni Novanta».

Oggi sul Corriere della Sera appare un’intervista a Maurizio Lupi, Pdl, che cerca di rimettere le cose un po’ a posto: «Ho sentito dire – dice Lupi – che qualcuno ha fatto un parallelo tra l’ascesa di Beppe Grillo e la nascita di Forza Italia nel ’94. Beh, non sono d’accordo: non c’è nulla di così distante da noi del movimento delle Cinque stelle. A Parma non voterei Grillo per andare contro la sinistra. Non diamo affatto indicazione di voto per Federico Pizzarotti: invito gli elettori del Pdl ad andare a votare, come dappertutto, ma avendo come criterio la scelta del candidato migliore e più credibile».

Lupi è molto netto nel tracciare un solco tra il modo di intendere la politica da parte dei grillini e quello di chi si impegnò in Forza Italia: «Grillo monta sull’antipolitica, parlando alla pancia. Forza Italia parlava alla società civile, sollecitando un programma responsabile, liberale e cattolico». Nel merito dei ballottaggi, il deputato Pdl, pensa che a Parma (Vincenzo Bernazzoli, Pd, 39,2, contro Federico Pizzarotti, Grillo, 19,4) «l’unico criterio è scegliere il candidato che potrà guidare meglio la città. Io non conosco nessuno dei due. Non demonizzo Grillo, ma dal mio punto di vista non c’è contenuto politico più distante dal mio come il suo. Lui risponde alle domande dei cittadini con la pancia e la demagogia. Noi con una sfida per capire come ripartire e fare grande questo paese».
A Genova, dove si sfidano Marco Doria (sinistra, 48,4 per cento) e Enrico Musso (Lista civica, 14,9) «sceglieremo Musso, che al precedente turno è anche stato il nostro candidato sindaco, oltre che nostro senatore. Non mi interessa tanto se è Udc o meno: è il candidato più vicino ai valori del Pdl e del centrodestra».
A L’Aquila, dove si sfidano Massimo Cialente (sinistra, 40,9) e Giorgio De Matteis (Civica, 29,3), per Lupi non v’è dubbio che la preferenza sia da indirizzare verso «De Matteis. Voterei convintamente  lui».
E a Palermo, dove si sfidano Leoluca Orlando (Idv) e Fabrizio Ferrandelli (sinistra)? Lupi è in difficoltà: «Se fossi lì mi sentirei veramente imbarazzato». Rimane il fatto che «Orlando è imbarazzante, assolutamente non mi piace. Non voterei mai per lui, è lontanissimo dalla nostra idea di politica».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Robert Benson says:

    Son preoccupato per il 2013 più che per l’effimero successo grillino… i sondaggi al momento dicono che alle politiche, anche con il Porcellum, con il PDL e la Lega al capolinea, PD+IDV+SEL si pigliano tutto, con tutto ciò che comporta. Bisogna archiviare il PDL, che è finito e va avanti finchè c’è Berlusconi, e cominciare a costruire una proposta credibile con gente credibile. Anche in Lombardia, perchè non credo che di questo passo la maggioranza regga fino al ’15. Io vedrei bene Mario Mauro dopo Formigoni, ha esperienza e grinta…

  2. Albert says:

    “(Vincenzo Bernazzoli, Pd, 39,2, contro Federico Pizzarotti, Grillo, 19,4)”
    Federico Pizzarotti, MOVIMENTO 5 STELLE, non “Grillo”! E dai…

  3. Van Ubl says:

    I just want to say I am all new to weblog and definitely liked this website. Likely I’m want to bookmark your website . You really come with fantastic writings. Bless you for sharing with us your webpage.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download