Google+

Luigi il restauratore

giugno 9, 1999 Esposito Francesco

I parlamentini morti nel ’68 e che Berlinguer vorrebbe resuscitare
(per imbrigliare i movimenti studenteschi)

Grosseto, 8-9 maggio 1999: il Ministero della Pubblica Istruzione emana la “bozza” coi criteri per il riconoscimento delle Associazioni Studentesche (le sole a cui vanno erogati i fondi statali). Ovvero, la scuola secondo Berlinguer ultimo atto. 20mila tesserati; 200 rappresentanti nei Consigli; diffusione sul territorio di almeno 5 regioni italiane; uno statuto che qualifichi l’associazione come indipendente e democratica. Non sono i requisiti per formare un partito politico, ma i titoli che vengono richiesti a qualsiasi gruppo di studenti delle scuole italiane per essere riconosciuto. A chiunque voglia impegnarsi per affrontare i bisogni della condizione studentesca (anche semplicemente per aiutarsi a studiare) o per organizzare dei momenti per il tempo libero, non rimarrà a questo punto che munirsi di tessera. Perché le cifre parlano chiaro: a queste condizioni si realizzerebbe l’egemonia di due-tre associazioni studentesche di livello nazionale. Tutto questo non parrebbe davvero un incoraggiamento alla libera iniziativa e creatività dei ragazzi, né sembra in accordo con quella “libera associazione e libera espressione” garantita sia dallo Statuto degli studenti che dalla direttiva 133. Per tutelare la libertà di ogni singolo studente e il diritto all’esistenza della miriade di gruppi nati al di fuori di ogni logica di partito, il Coordinamento liste per la libertà della scuola ha organizzato una petizione al ministro della Pubblica Istruzione perché ritiri la sua proposta. Una raccolta di firme da inviare al Ministero contro ogni discriminazione tra le associazioni. Non resta che faxare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.