Google+

Luigi il restauratore

giugno 9, 1999 Esposito Francesco

I parlamentini morti nel ’68 e che Berlinguer vorrebbe resuscitare
(per imbrigliare i movimenti studenteschi)

Grosseto, 8-9 maggio 1999: il Ministero della Pubblica Istruzione emana la “bozza” coi criteri per il riconoscimento delle Associazioni Studentesche (le sole a cui vanno erogati i fondi statali). Ovvero, la scuola secondo Berlinguer ultimo atto. 20mila tesserati; 200 rappresentanti nei Consigli; diffusione sul territorio di almeno 5 regioni italiane; uno statuto che qualifichi l’associazione come indipendente e democratica. Non sono i requisiti per formare un partito politico, ma i titoli che vengono richiesti a qualsiasi gruppo di studenti delle scuole italiane per essere riconosciuto. A chiunque voglia impegnarsi per affrontare i bisogni della condizione studentesca (anche semplicemente per aiutarsi a studiare) o per organizzare dei momenti per il tempo libero, non rimarrà a questo punto che munirsi di tessera. Perché le cifre parlano chiaro: a queste condizioni si realizzerebbe l’egemonia di due-tre associazioni studentesche di livello nazionale. Tutto questo non parrebbe davvero un incoraggiamento alla libera iniziativa e creatività dei ragazzi, né sembra in accordo con quella “libera associazione e libera espressione” garantita sia dallo Statuto degli studenti che dalla direttiva 133. Per tutelare la libertà di ogni singolo studente e il diritto all’esistenza della miriade di gruppi nati al di fuori di ogni logica di partito, il Coordinamento liste per la libertà della scuola ha organizzato una petizione al ministro della Pubblica Istruzione perché ritiri la sua proposta. Una raccolta di firme da inviare al Ministero contro ogni discriminazione tra le associazioni. Non resta che faxare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Le righe, si sa, rubano la scena a qualsiasi altro indumento del guardaroba e non tutti se le possono permettere. Ciò che ha fatto Rapha con questa fantasia, protagonista della nuova collezione Cross, è stato scegliere un accostamento di tonalità elegante e, soprattutto, ispirato all’abbigliamento indossato da Jeremy Powers (Rapha-Focus Team) alla conquista del titolo di campione nazionale […]

L'articolo Rapha presenta la nuova collezione Cross proviene da RED Live.

F1 2017 è un generatore virtuale di adrenalina. Un racing game emozionante e coinvolgente, completamente personalizzabile in base alle proprie esigenze. Il nuovo gioco di Codemasters affina la buona ricetta del 2016 e (ri)propone un solidissimo “simcade”, ovvero un efficace ibrido tra simulazione impietosa e arcade permissivo, immediato e profondo. Il risultato? Senza controllo di trazione […]

L'articolo F1 2017 è pura adrenalina virtuale proviene da RED Live.

Con il nuovo Peugeot Belville, la Casa del Leone s’inserisce in uno dei mercati più floridi in assoluto: quello degli scooter piccoli a ruota alta. È disponibile in due cilindrate (125 e 200) con prezzi a partire da 2.950 euro

L'articolo Prova Peugeot Belville proviene da RED Live.

Che Kia sia un’azienda coreana Doc è assodato ma è altresì vero che il suo quartier generale europeo si trova ad appena 500 metri dall’entrata del Salone di Francoforte. E’ quindi normale che Kia viva la kermesse tedesca in modo speciale, come la fiera di casa, quella in cui sfruttare il fattore campo favorevole per […]

L'articolo Kia Proceed Concept: il futuro passa da qui proviene da RED Live.

Tucano Urbano gioca d’anticipo su EICMA e presenta ora la collezione autunno/inverno 2017/2018. Per chi viaggia in moto 365 giorni all’anno.

L'articolo Tucano Urbano collezione autunno/inverno 2017/2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana