Google+

Luigi il restauratore

giugno 9, 1999 Esposito Francesco

I parlamentini morti nel ’68 e che Berlinguer vorrebbe resuscitare
(per imbrigliare i movimenti studenteschi)

Grosseto, 8-9 maggio 1999: il Ministero della Pubblica Istruzione emana la “bozza” coi criteri per il riconoscimento delle Associazioni Studentesche (le sole a cui vanno erogati i fondi statali). Ovvero, la scuola secondo Berlinguer ultimo atto. 20mila tesserati; 200 rappresentanti nei Consigli; diffusione sul territorio di almeno 5 regioni italiane; uno statuto che qualifichi l’associazione come indipendente e democratica. Non sono i requisiti per formare un partito politico, ma i titoli che vengono richiesti a qualsiasi gruppo di studenti delle scuole italiane per essere riconosciuto. A chiunque voglia impegnarsi per affrontare i bisogni della condizione studentesca (anche semplicemente per aiutarsi a studiare) o per organizzare dei momenti per il tempo libero, non rimarrà a questo punto che munirsi di tessera. Perché le cifre parlano chiaro: a queste condizioni si realizzerebbe l’egemonia di due-tre associazioni studentesche di livello nazionale. Tutto questo non parrebbe davvero un incoraggiamento alla libera iniziativa e creatività dei ragazzi, né sembra in accordo con quella “libera associazione e libera espressione” garantita sia dallo Statuto degli studenti che dalla direttiva 133. Per tutelare la libertà di ogni singolo studente e il diritto all’esistenza della miriade di gruppi nati al di fuori di ogni logica di partito, il Coordinamento liste per la libertà della scuola ha organizzato una petizione al ministro della Pubblica Istruzione perché ritiri la sua proposta. Una raccolta di firme da inviare al Ministero contro ogni discriminazione tra le associazioni. Non resta che faxare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, comportamento sul bagnato, e guida “spigliata” sono i punti chiavi su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport Touring per vocazione proviene da RED Live.

Tutta nuova, la berlina del Leone graffia molto di più rispetto al passato. Perché è più corta e bassa, ha un design dinamico e la solita attenzione al look by Peugeot. La toccheremo con mano al prossimo Salone di Ginevra

L'articolo Nuova Peugeot 508, la berlina si fa bella proviene da RED Live.

Basata sulla piattaforma EMP2, ha due lunghezze, un bagagliaio smisurato e interni da berlina di lusso. Per elevare verso nuovi orizzonti il concetto di veicolo Multispazio

L'articolo Peugeot Rifter, la nuova multispazio a Ginevra proviene da RED Live.

Una storia, quella delle Sportster, nata nel 1957 e destinata a continuare senza sosta e senza eclatanti sorprese. Anche quest’anno infatti la famiglia si allarga e lo fa grazie a due nuove interpretazioni che combinano lo stile rétro ispirato ai canoni classici del mondo custom e le prestazioni pungenti del motore V-Twin 1200 Evolution.  IRON […]

L'articolo Nuove H-D Sportster Forty-Eight Special e Iron 1200 proviene da RED Live.

In attesa di vederla sulle strade a fine anno, la city car approda a Milano in occasione Fashion Week, con livrea e interni a cura del direttore creativo della Maison Moschino

L'articolo Renault Clio in salsa pop proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi