Google+

L’Ucraina nella morsa dei debiti, a rischio default. Entro 4 giorni servono 4 miliardi

febbraio 25, 2014 Chiara Rizzo

Dopo che Mosca ha bloccato i 15 miliardi di dollari promessi all’ex presidente Yanukovich, Kiev ha bisogno di 4 miliardi entro fine mese per pagare gli stipendi, e di 13 miliardi di dollari per coprire il deficit del Paese.

Dopo la tensione diplomatica ieri con la Russia (che ha richiamato in patria l’ambasciatore a Kiev), in Ucraina le nomine dei nuovi ministri previste per oggi sono slittate a giovedì. Ieri Bruxelles ha espresso il suo sostegno a Kiev, anche con la disponibilità di aiuti economici per due miliardi e mezzo di euro al paese, in cambio di un processo di riforme: oggi Mosca, attraverso il ministro degli Esteri Sergei Lavrov ha fatto sapere che «non interferiremo» con le elezioni anticipate, ma continua a condannare quello che considera un colpo di stato.

QUATTRO MILIARDI IN QUATTRO GIORNI. Il nuovo governo ucraino si trova ad affrontare una grana pesante. Al paese servo quattro miliardi entro quatto giorni, per pagare gli stipendi, le pensioni e le forniture di gas russo. Ben più ingente però la necessità del paese per il debito internazionale che ha. Seguendo il consiglio degli Stati Uniti, il governo provvisorio di Kiev ha presentato una richiesta al Fondo monetario internazionale di aiuti immediati per 35 miliardi di dollari. L’Fmi però ha previsto al massimo un contributo di 20 miliardi: l’Ucraina inoltre deve fare i conti con la decisione russa di bloccare gli aiuti previsti per 15 miliardi di dollari, promessi all’ex presidente Viktor Yanukovich: Kiev vorrebbe smarcarsi dalla “dipendenza” russa, ma sebbene formalmente proclami di non volersi intromettere, Mosca sta usando “l’arma” economica per orientare le future scelte dell’Ucraina.

BARROSO: «STIAMO LAVORANDO PER L’UCRAINA». Oggi il presidente della Commissione europea Josè Manuel Barroso ha dichiarato davanti alla sessione plenaria del Parlamento europeo che l’Ue sta facendo tutti gli sforzi possibili: «L’Europa sta lavorando con i partner internazionali per trovare i modi per sostenere economicamente l’Ucraina». Barroso ha cercato quindi di stemperare le tensioni diplomatiche in corso tra Russia e Ucraina: «La Russia lavori costruttivamente con noi per garantire un’Ucraina unita» ha invitato ricordando che la priorità è «rispettare l’unità territoriale del paese». Un augurio che non arriva casualmente, dal momento che è stato lo stesso presidente ucraino Turchinov a dare oggi l’allarme sui «pericolosi segni di separatismo» nella zona orientale del paese, a maggioranza russofona, tanto che Turchinov oggi ha annunciato al parlamento di aver indetto una riunione con i vertici delle forze di sicurezza per affrontare il problema.

DELEGAZIONI INTERNAZIONALI. Intanto a Kiev è arrivata il capo della diplomazia dell’Unione europea, Catherine Ashton, che oggi ha già incontrato il leader dell’opposizione Yulia Timoshenko e Turchinov, proprio per parlare degli aiuti economici promessi dall’Ue e affrontare le emergenze del paese. Dal canto suo, Timoshenko ha spiegato di essere d’accordo con Ashton e Bruxelles sul fatto che il nuovo governo «debba includere i rappresentanti di Maidan», la zona di Kiev teatro delle manifestazioni anti Yanukovich degli ultimi mesi. Turchinov a sua volta ha spiegato che senza aiuti, il paese dovrà presto dichiarare il default per i 13 miliardi di dollari di debiti esteri in scadenza proprio quest’anno. A Kiev oggi arriveranno anche il vicesegretario di Stato Usa William Burns e il ministro degli Esteri britannico William Hague per discutere il problema.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana