Google+

Lucio Dalla, «un alternativo che ricercava il Mistero». Il ricordo di Pupi Avati

marzo 5, 2012 Carlo Candiani

Il regista bolognese con il cantante scomparso ha condiviso un’intera vita, fatta di musica, film e conversazioni sulla fede: «Spero solo che nel momento dell’addio non abbia avuto paura».

A cinque anni dalla scomparsa del grande cantautore bolognese, ripubblichiamo una nostra intervista al regista e amico Pupi Avati.

Amici già dalla giovinezza, musicisti in una jazz band, Lucio Dalla e Pupi Avati non si sono mai persi di vista. Lucio, anzi aveva composto le musiche per i film più recenti del grande regista. Raggiunto da tempi.it, Avati ha ricordato così il suo amico cantautore. «È venuta a mancare una persona straordinaria, perché quando muore un poeta, muore un modo sacrale di guardare le cose della vita. La sua visione delle cose e del mondo, la sua religiosità, la sua generosità che infondeva in tutto quello che faceva era nelle sue canzoni e nel suo atteggiamento nei riguardi del prossimo, nell’aiuto che ha offerto a tante persone che sono riuscite a emergere in ambito artistico e musicale».

Ricercava il Mistero nelle sue canzoni?
Lucio ricercava la sacralità, che è sinonimo di Mistero. Era una persona profondamente religiosa: in più occasioni abbiamo parlato del presente e del futuro, anche di quello più lontano, di quello che in questi momenti lo riguarda, della morte.

Ci lascia un artista poliedrico, che non si è accontentato solo della musica.
Si è misurato con tutte le discipline artistiche rimanendo sempre un “alternativo”. Non c’è niente delle cose che ha fatto che si possano ricondurre a una paternità, a qualcosa di preesistente. Quello che ha fatto Lucio è suo e basta e disporre di una identità così forte è una prerogativa dei grandi che combattono l’omologazione dei nostri tempi.

Cosa rimarrà di lui?
Lucio era la sua arte, perciò di lui rimarrà il ricordo di una persona buona e fuori dal comune e la sua straordinaria produzione artistica.

E chissà se il suo caro amico ora sta suonando il clarino davanti a San Pietro?
(Avati sorride). Spero solo che stamattina il mio caro Lucio, il Lucio a cui voglio così bene, non abbia avuto paura mentre ci lasciava.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana