Google+

Londra, attacco contro i musulmani nel «nido del jihadismo britannico»

giugno 19, 2017 Redazione

Nella notte un uomo di 48 anni si è lanciato con un furgone su un gruppo di persone fuori dalla moschea di Finsbury Park gridando: «Voglio uccidere i musulmani». Un uomo è morto

Van hits several pedestrians near Finsbury Park mosque in north London

«Voglio uccidere i musulmani». Così avrebbe gridato l’uomo che nella notte si è lanciato con un furgone a Londra su un gruppo di fedeli davanti a una moschea a Finsbury Park. Un musulmano è morto nell’attacco, altri sono rimasti feriti e la polizia sta verificando se si tratti di un attentato terroristico.

L’INTERVENTO DELL’IMAM. L’attacco è avvenuto a Seven Sisters Road, in una zona dove ci sono almeno quattro moschee, al termine del taraweeh, le preghiere che si fanno a tarda notte durante il mese sacro del Ramadan. La polizia ha arrestato un uomo di 48 anni, che è stato bloccato dalla folla e buttato a terra. Se l’uomo non è stato linciato è grazie all’imam Mohammed Mahmoud. Secondo la Muslim Welfare House, è lui che «ha aiutato a calmare la situazione dopo l’incidente e a impedire ulteriori danni e perdite di vite».

NIDO DEL JIHADISMO. Nell’analisi di Repubblica, si fa notare come il luogo dell’attacco non sia casuale. «Dal 1994 Finsbury Park è il nido del jihadismo britannico. Un centro di preghiera gestito da imam radicali, che hanno arruolato giovani con il passaporto inglese per combattere contro i serbi in Bosnia e poi per raggiungere i campi d’addestramento qaedisti in Afghanistan. Nel 2003 il centro religioso venne chiuso dopo l’intervento della polizia, poi dopo due anni ne è stata permessa la riapertura con la gestione affidata a imam moderati, aderenti al piano di dialogo con le istituzioni creato dal governo britannico. Ma nell’immaginario collettivo quella moschea e quel quartiere sono rimasti simbolo della diffusione di un credo radicale che spinge verso la guerra santa».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sapete che il 60% delle V7 III, al momento dell’acquisto, sono richieste con almeno un accessorio montato (con prenza per quelli di ispirazione Scrambler o Dark)? Di più: per la sola V7 esistono a catalogo 200 parti speciali – fra queste ci sono ben 8 selle – mentre, se consideriamo tutti i modelli Moto Guzzi, […]

L'articolo Prova Moto Guzzi V7 III Rough, Milano e Carbon proviene da RED Live.

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.