Google+

L’on. Massimo Polledri (Lega) a Radio Tempi: «Ecco perché ho votato no all’arresto di Milanese»

settembre 23, 2011 Redazione

Per parlare di stretta attualità politica è intervenuto a Radio Tempi il parlamentare Massimo Polledri (Lega Nord). L’onorevole ha spiegato le ragioni del suo no all’arresto di Milanese, ha espresso le sue perplessità sullo stato della giustizia italiana e ha rassicurato i suoi elettori: «Nella Lega nessun malumore»

Ospite de Gli spari sopra, l’onorevole Massimo Polledri. Con il parlamentare della Lega Nord si è parlato della stretta attualità politica. Polledri ha dichiarato di aver votato no all’arresto di Milanese e di averlo fatto con convinzione perché: «una persona deve andare in galera quando viene giudicata colpevole da un tribunale. E poi certo, c’è anche un motivo politico dietro al mio voto. Non mi sarei mai perdonato di vedere tornare al potere Bersani e soci, non possiamo permetterci di lasciare l’Italia in mano a timonieri di sinistra, sopratutto in un momento così difficile».

 

Riguardo al problema della giustizia, più che mai sentito e attuale, l’onorevole ammette qualche errore di troppo da parte della maggioranza, rea di non essere stata in grado di dare corpo a una riforma complessiva, di cui l’Italia necessita da tempo: «il processo lungo, quello corto, quello medio hanno solo creato scontento tra i giudici. E’ mancata la giusta determinazione e forse il premier non è stato consigliato al meglio dai suoi avvocati». In ultimo, una battuta sui presunti malumori all’interno della Lega. Per Polledri non c’è nulla di preoccupante all’interno del partito e Bossi è «una persona a cui tutta la Lega vuole bene. Un po’ di discussione c’è, certo, ma l’idea di una divisione interna è stata montata ad arte dai giornali».

 

Ascolta l’intervista integrale

 

[podcast pid=19/]

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.