Google+

Lo spread è un imbroglio? No, ma non è l’unico indicatore per valutare la nostra economia

dicembre 12, 2012 Massimo Giardina

Silvio Berlusconi ha definito lo spread un imbroglio dei mercati e un indicatore inutile. E così? Rispondono alcuni importanti economisti: Carlo Pelanda, Alberto Quadrio Curzio, Lanfranco Senn.

Dall’estate 2011 parliamo di spread. Le dichiarazioni di Silvio Berlusconi, che a colpi di spread si dimise nel novembre 2011, lasciano stupiti: «Un imbroglio, un’invenzione». Un marchingegno dei tedeschi e di qualche speculatore per metterci in difficoltà. Tempi.it ha chiesto ad alcuni economisti di riferimento il loro parere “tecnico”.
Carlo Pelanda, professore all’Università Guglielmo Marconi di Roma e presso l’University of Georgia di Athens (USA), definisce lo spread come «l’aria che respiriamo, non possiamo farne a meno. Se lo spread peggiora, avremo delle inevitabili ripercussioni sulla nostra economia». Per il professor Pelanda il punto politico è «in chi muove lo spread: un punto delicato perché occorre vedere i movimenti di mercato. L’ultimo rimbalzo in aumento non è stato determinato da investitori esteri, ma dagli italiani che hanno alleggerito le loro posizioni a causa dell’incertezza politica post elezioni. Questi sono i primi “rumors” di mercato arrivati».

ALTRI INDICATORI. Il professor Lanfranco Senn, ordinario all’Università Bocconi, parla di spread come di un dato «assolutamente importante e impossibile da trascurare. Perché indica l’affidabilità di un paese». Tuttavia, aggiunge, «gli è stato dato un peso eccessivo e, soprattutto negli ultimi tempi, abbiamo esagerato». Secondo Senn «esprime solo una parte della realtà e non è il solo indicatore da prendere in considerazione. La vitalità delle imprese e i condizionamenti che ricevono non dipendono dallo spread. Le imprese fanno fatica se non ci sono azione per lo sviluppo. Purtoppo abbiamo la testa nella finanza e non ci rendiamo conto di quanto sia strategica l’economia reale. Riprendiamo coscienza di questo».

NON POSSIAMO ESSERE CONTENTI. Anche per Alberto Quadrio Curzio, professore emerito della Cattolica di Milano, già preside della facoltà di Scienze Politiche e vice presidente dell’accademia dei Lincei, lo spread è un elemento di mercato non trascurabile perché «grava sui conti pubblici e sul credito alle imprese. Per questa ragione ha delle ripercussioni sull’economia reale: non è una mistificazione e tantomeno un’invenzione, ma un elemento con cui bisogna fare i conti perché determina il costo per la finanza pubblica e gli oneri per il sistema produttivo. Quando lo spread si riduce non possiamo che essere contenti».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana