Google+

L’Italia non è più un paese per Messi e la colpa è sempre di chi comanda

gennaio 28, 2013 Fred Perri

Una volta uno come Messi, prima o poi, un passaggio in Italia l’avrebbe fatto. Adesso, al massimo passa a fare shopping

Uno degli argomenti che mi annoiano di più (forse addirittura più del mercato) è la politica sportiva. Anche nelle chiacchiere da bar è il tema meno dibattuto. Nessuno mi ha mai chiesto un commento sulle grottesche vicende della Lega calcio. Eppure se stiamo declinando, in tutti i sensi, è lì che dobbiamo guardare, al governo. Quello del calcio è uno specchio più o meno fedele di quello del paese, con la differenza che i poteri forti sono all’opposizione. Inter, Juve, Fiorentina e Roma non hanno posti di comando, il loro candidato è stato bocciato.

La Lega è in mano all’asse Galliani-Lotito. È un problema di uomini, certamente, ma soprattutto di progetti e di prospettive. In questi anni le società di calcio, a parte qualcuna (la Juventus sicuramente che si è fatta lo stadio) hanno pensato solo a strappare contratti sempre più ricchi alla televisione. Sky versa 600 milioni nelle casse dei club. Ma a parte questo gigantesco abbeveratoio, le società fanno fatica a diversificare i ricavi. Siamo indietro, rispetto alle nazioni che prima ci guardavano con invidia. Abbiamo sperperato il vantaggio che avevamo, abbiamo perso una squadra in Champions League.

Una volta uno come Messi, prima o poi, un passaggio in Italia l’avrebbe fatto. Adesso, al massimo passa a fare shopping. Per cui compagni e amici, anche se ci annoiamo, un pensiero su chi ci governa dobbiamo farlo. In tutti i sensi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana