Google+

L’Isola di Pasqua vuole staccarsi dal Cile. Si rischia una “primavera polinesiana”

ottobre 8, 2012 Daniele Ciacci

Il conflitto tra popolazione indigena e cilena sta dando origine a nuove tensioni. Segni di un equilibrio che si sta spezzando.

L’Isola di Pasqua è più vicina alla Polinesia che al Cile. Si trova a 2000 chilometri dalle isole Pitcairn e a 3600 da Caldera, città costiera a nord di Santiago, la capitale. Studi linguistici ed anatomici rivelano che la stirpe isolana è polinesiana, probabilmente delle Isole Marchesi. Eppure, è proprio lo stato continentale a vantarne la proprietà fin dal 1888, ovvero da quando l’Olanda decise di perdere la potestà delle sue colonie polinesiane. Ed è qui che si origina una lunga storia di conflitto con il Cile, che prosegue sino ai giorni nostri.

LA SCOPERTA. Il primo a sbarcare sull’isola, nel giorno di Pasqua del 1772, fu Jakob Roggeveen, appunto olandese. Ma il primo a impostare un vero e proprio dominio sui territori fu il viceré del Perù e governatore del Cile Manuel Amat y Junient, che volle annettere l’isola ai territori spagnoli. Don Felipe Gonzales de Haedo, comandante della nave San Lorenzo, prese possesso della località, la rinominò “San Carlos” e la riempì di croci in ogni dove. Ma negli anni a seguire la corona spagnola non inviò più ulteriori spedizioni, perdendo il controllo fattivo dell’isola.

L’ANNESSIONE AL CILE. Soltanto il 9 settembre del 1888 Rapa Nui – il nome originario dell’isola di Pasqua, che nella lingua indigena Rongorongo significa “Grande Isola” – fu annessa al Cile, su consiglio del capitano Policarpo Toro, che la riteneva strategicamente importante. Il controllo dell’atollo fu in un primo tempo pacifico. Tuttavia, espropriazioni da parte del governo cileno di larga fetta del territorio isolano (166 chilometri quadrati di superficie) hanno creato sommosse e rivendicazioni. In particolare, il popolo si ritiene polinesiano, non sudamericano. È dal 2010 che il movimento secessionista rischia di ricreare una vera e propria “primavera polinesiana” nello sperduto atollo.

SAUDADE POLINESIANA. A capo del gruppo che aspira alla indipendenza, il leader del Rapa Nui Parlament Leviante Araki, che dall’inizio degli anni Novanta predica in lungo e in largo la causa delle popolazioni indigene, sempre più sottomesse dall’affluenza dei cileni che vedono, in un’isola lontana e ancora in pieno sviluppo, possibilità lavorative di difficile assorbimento per i locali. Il turismo d’elitè ha fatto il resto, quasi raddoppiando il numero degli abitanti. Da due anni a questa parte, sono state otto le persone gravemente ferite nella causa della secessione. Intanto i maoi, le gigantesche statue a forma di testa, guardano in direzione della Polinesia. Forse con un velo di nostalgia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana