Google+

«L’ignoranza degli italiani è colossale ma i nostri ragazzi sono tra i più promossi d’Europa»

marzo 16, 2012 Daniele Ciacci

Intervista a Marcello D’Orta, insegnante e autore del libro “Io speriamo che me la cavo” sulla sempre minore conoscenza della lingua italiana da parte delle nuove generazioni: «Si è creata una comunicazione gergale, una sottocultura che va a scontrarsi con la scuola. Non scriviamo e non leggiamo più, anche se abbiamo una vocazione artistica».

Un’odierna inchiesta di Repubblica riporta lo stato della lingua italiana tra i maturati del 2010. Un panorama arido, ricco di errori e di colossali ingenuità. Da “aerio” a “celebrale”, passando per “manovrazioni”. Tempi.it ha voluto ragionare sulle origini di questo dramma linguistico con Marcello D’Orta, insegnante elementare che con gli errori dei suoi alunni è riuscito a scriverci un libro: Io speriamo che me la cavo, da cui è stato tratto anche l’omonimo film con Paolo Villaggio. «Mi sono rimasti impressi due errori in particolare, perché si sono tramutati in cose positive. Come l’anacoluto di “Io speriamo che me la cavo”, che è diventato un verso. Ogni tanto lo leggo anche sui giornali. Poi penso anche al dialettale “sgarruppato”, che qui a Napoli significa “fatiscente, che va a pezzi”. Come la lingua italiana, insomma».

Maestro D’Orta, la nuova generazione d’italiani non sa più scrivere.
Partirei con un dato apparentemente contraddittorio. A fronte di questa ignoranza abissale, i nostri ragazzi continuano a essere tra i più promossi d’Europa. Questi dati non possono giustificarsi insieme, a meno che non si analizzi la situazione scolastica nazionale. Mi pare che molti insegnanti si siano abituati a questo trend, e allarghino le braccia sconsolati. “Sono tutti asini, questa è la realtà. Accettiamolo”. Mentre un tempo, una nota sul registro, una sgridata o una sospensione era vissuta dai genitori come una pena capitale, dal ’68 la situazione ha cominciato a cambiare. Adesso i genitori giustificano sempre i figli e il professore non è più libero di fare il proprio mestiere. C’è sempre l’angoscia di un possibile ricorso al Tar, di un putiferio burocratico. E gli insegnanti, che già sono sottopagati, si chiedono perché faticare tanto per patire la fame.

Quali sono le ragioni della debacle linguistica?
Con l’avvento di internet e della telefonia mobile i giovani hanno preso ad esprimersi in una maniera tutta particolare. Le “ch” diventano “k”, i “non” diventano “nn”. I ragazzi, che avevano già poca dimestichezza con la lingua, adesso la imparano ancor più faticosamente. Si è creata una comunicazione gergale, una  sottocultura che va a scontrarsi con quella specializzata e libresca della scuola. Non si scrivono più lettere a mano. E, soprattutto, non si legge più. Libri e quotidiani diminuiscono molto le proprie vendite, e questo causa una maggiore difficoltà di scrittura. E di pensiero perché, a mio parere, si pensa anche male. Non esiste più il confronto con l’autore classico, ma solo con pensieri monchi, al massimo citazioni. Lo vedo anche in chi fa della scrittura il proprio mestiere: i giornalisti, ad esempio, scrivono male. Anche gli editori hanno le loro colpe: negli scaffali di poesia trovo Ligabue e De Andrè, ma non Giovanni Pascoli e Vincenzo Cardarelli. Capisco che, se arrivano all’Università, l’italiano dei giovani rimane impacciato. Anche ai concorsi di magistratura si commettono clamorosi errori di sintassi e di lessico. Per questo problema, purtroppo, non vedo una soluzione in tempi brevi. Anzi, ho paura che andrà sempre peggio.

È alle elementari che s’impara a scrivere. Secondo lei, un ritorno al maestro unico potrebbe essere una soluzione?
Sono assolutamente d’accordo con il maestro unico. Quando lo dissi, Repubblica mi incolpò di essere retrogrado, di essermi fermato alle lezioni del libro “Cuore” di De Amicis. È vero, il maestro unico non ha tutte le competenze nelle varie discipline. Io stesso non ero un portento nell’aritmetica, e dovevo chiedere l’aiuto a qualche collega che, a sua volta, si confrontava con me in ambito letterario. Però la figura del maestro unico era un punto di riferimento psicologico fondamentale. Il bambino ha bisogno, in quella fascia d’età, di una figura che reciti la parte della mamma fuori casa. Era un collante virtuale. Invece, l’alternarsi di insegnanti provoca frammentazione psicologica e affettiva. Cosa che non avviene più tardi, nella scuola media e superiore.

Gli ultimi dati del Miur sulle iscrizioni alle scuole superiori vedono un aumento delle preferenze per gli istituti tecnici e professionali, a fronte di un calo dei licei. Perché?
Il professionale permette sbocchi lavorativi maggiori. La scuola di un tempo guardava relativamente poco la società. Oggi, invece, non si può farne a meno. Il pezzo di carta, che sia un diploma o una laurea, non serve se non ti introduce immediatamente nel mondo del lavoro. Una volta uscivi dal liceo classico, ti iscrivevi all’università, e seguivi un lungo percorso di formazione. Si supponeva che lo studente non avesse l’urgenza di trovare uno stipendio per vivere. Per carità, non era sempre così: io stesso ho scelto di fermarmi all’istituto magistrale, perché eravamo otto in famiglia e dovevo lavorare il prima possibile. Non feci neppure il quinto anno propedeutico per accedere agli atenei. Feci immediatamente il concorso. E anche oggi, la richiesta di un impiego è pressante. E gli istituti tecnici, che formano in poco tempo a un lavoro manuale, sono i più gettonati. Il futuro è vicino a internet e ai computer, mentre il latino e il greco sono diventati un’istituzione elitaria. E lo dico con rammarico, perché l’Italia è un paese dalla grande vocazione artistica. Ma, si sa, è tutta l’Europa a non passare un bel momento, ed è giusto indirizzare i figli tenendo in considerazione il domani.
twitter: @DanieleCiacci

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. aurum scrive:

    i somari vengono promossi, diplomati e laureati e i più capaci vengono repressi, bocciati o costretti a ritirarsi, perché sanno troppe cose.
    Non sono l’unico, qui a Lanciano (città del Miracolo Eucaristico) che sostiene queste cose, ne conosco a migliaia e sono tutte come me. Operai che compongono le musiche per i film di Monthy Pithon, pizzaioli esperti di letteratura, filosofia e di storia dell’arte che traducono dal latino e greco a tempo perso e commercianti che inventano i circuiti stampati per i sistemi automatizzati per le fabbriche e molto altro, tutti rigorosamente con la terza media! Tutte persone che quando gli parli di scuola, rispondono tutti un po’ delusi e dicono: i professori non capiscono niente, e purtroppo è vero, miei cari, i professori sono i primi ad essere ignoranti, incompetenti e malati di mente, aggiungo.
    Ho conosciuto dei professori che mi hanno insegnato a mettere la virgola dopo il ma, il però o il naturalmente che mi hanno detto che tuttavia va usato per concludere la frase e non per continuarla. Tanto chi è quel grande genio che va a controllare sulla grammatica e li contesta? Ho conosciuto degli insegnanti che quando hanno capito che ero cattolico veramente, si sono arrogati il diritto di negare le verità storiche e letterarie più evidenti, hanno diffamato la Chiesa Cattolica, hanno parlato di sesso in classe e hanno cercato pure di sedurmi perché dovevano provare il piacere di corrompermi.
    Un gioco perverso e sadico al quale hanno partecipato tutti i professori del corso e i compagni di classe, interessati più a farmi fuori che ad essere promossi.
    Queste cose mi sono successe dopo che ho ottenuto una pagella con tutti otto e nove, ma sono stato costretto a ritirarmi, perché non riuscivo a sopportare le pressioni psicologiche di una professoressa malata di mente (una psicotica) che era riuscita ad ottenere il consenso di tutti, preside compresa.
    Sapere la verità, essere colti, intelligenti e razionali, essere religiosi e morali può essere, a volte, motivo di martirio e così è successo. Ecco perché dico: i somari sono promossi, diplomati e laureati a pieni voti dagli insegnanti più incapaci e asini d’Abruzzo, e i migliori sono messi alla porta, perché sanno troppe cose che all’interno di un’istituzione fatta per conoscere, anziché per ignorare, non vanno bene!
    I professori che mi sono capitati, invece, hanno avuto il barbaro coraggio di determinare lo spirito aristocratico dei pazzi, degli ignoranti e degli scostumati, e hanno pagato amaramente il conto nelle loro vite, ma fanno finta di niente e soffrono.
    Possibile che un professore imponga agli alunni di sapere da 0,0001 a 0,0002, ma poi se l’hanno dimostra di sapere 0,00011 si scandalizza e lo confonde, perché ha capito troppo? Succede anche questo, ma la responsabilità è dei professori e non degli alunni.
    A quanto sembra è stata creata una forma di diritto che permette ai professori di abusare sugli alunni, di reprimerli con eccessivo sadismo (è una cosa che succede molto spesso), di ricattarli sul piano sessuale e molto altro.
    La scuola italiana è fatta così: CHI SA, TACCIA! Almeno dalla mie parti. La rivoluzione culturale del 68 dice questo: i somari devono fare i professori e i professori devono fare i somari, e questo succede: tutto vero!
    Viva l’ignoranza dei professori, allora, viva l’ignoranza degli alunni, dei presidi, dei politici (che sono i primi ignoranti d’Italia) e infine dei genitori.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana