Google+

Libia. Il mistero del cecchino di Sirte che dà la caccia all’Isis

febbraio 18, 2016 Redazione

Tre leader dello Stato islamico sono morti in 10 giorni in Libia a Sirte, raggiunti da un proiettile alla testa. Cecchino misterioso o propaganda jihadista?

Non è ancora chiaro se si tratti di un virtuoso del fucile di precisione, di un vendicatore solitario, di un ex membro dei servizi segreti inglesi o se sia una storiella messa in giro dallo Stato islamico per confondere le acque. L’unica cosa certa sono tre cadaveri, tre leader dell’Isis in Libia uccisi in soli dieci giorni e tre fori alla testa causati da tre proiettili partiti da molto lontano.

LE TRE VITTIME. Più passano i giorni e più si infittisce il mistero (e la confusione) sul cecchino solitario che ha preso di mira i jihadisti a Sirte, città natale di Muammar Gheddafi oggi in mano ai tagliagole. Il 14 gennaio è stato ucciso Abu Anas il sudanese, davanti a una clinica vicino al lungo mare. Il 19 è stato colpito alla testa Abu Muhammad al-Dernawi. Per il Foglio, è morto mentre passava in automobile vicino all’ingresso est della città. Il 24, infine, è stato assassinato Abdallah Hamad al Ansari, un capo libico del gruppo, ex militante di Ansar al-Sharia.

INTELLIGENCE BRITANNICA. Sembra che lo Stato islamico abbia finora dato la caccia ovunque al cecchino, invano. Dieci giorni fa, una fonte dell’intelligence britannica ha dichiarato al Daily Star che solo un cecchino di un reparto d’élite dell’esercito potrebbe agire in questo modo e che in alcune intercettazioni telefoniche è stato rilevata la presenza di un uomo che parla con accento inglese e lavora per un gruppo anti-Isis in Libia. Spiega la fonte: «Alcuni indizi ci dicono che l’uomo è stato addestrato dall’esercito britannico. È molto probabile che sia un ex membro delle forze speciali. Se non l’hanno ancora catturato è perché sceglie molto attentamente le sue postazioni. Spara da molto lontano e si assicura di avere una via di fuga. Solo un cecchino esperto può agire così».

È UNA MONTATURA? C’è anche però chi ha espresso seri dubbi sull’attendibilità di queste informazioni. Secondo la televisione Libya Al Hurra, emittente che trasmette dal Qatar e fondata a Benghasi, la notizia è stata diffusa in origine dai social media vicini all’Isis. «Il mito del cecchino di Sirte», dunque, «potrebbe essere una montatura per nascondere il vero motivo della morte di al Ansari». Il mistero si infittisce.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Menelik scrive:

    Va be’…..tre papocchi daesh sono schiattati con un buco in testa….buone notizie.
    Speriamo che a quei tre si aggiungano molti di più.
    Viva la morte loro, dovremmo festeggiare !!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana