Google+

«Libia: è la missione degli errori, Francia e GB sono incapaci»

luglio 27, 2011 Leone Grotti

Gian Micalessin, inviato del Giornale, critica la guida delle operazioni di guerra da parte dei due paesi: «E’ la missione degli errori, non sono neanche capaci di condurre le azioni militari. Ora vogliono limitare i danni ma i ribelli non prenderanno mai Tripoli. Sono divisi e odiati da molte tribù. L’Italia non può fare altro però che restare in guerra»

«Questa è la missione degli errori: la guida delle operazioni di Francia e Gran Bretagna si è rivelata fallimentare. Volevano buttare giù il regime e uccidere Gheddafi con le bombe e invece adesso dichiarano che può anche restare in Libia, purché non al potere». Gian Micalessin, inviato del Giornale, critica a Tempi.it la conduzione di una guerra, partita male e che finirà sicuramente peggio, da parte di Francia e Gran Bretagna che in questi giorni hanno dichiarato ufficialmente che non è necessario che Gheddafi lasci la Libia, è sufficiente che lasci il potere.

A che cosa può essere dovuto un’inversione di tendenza così netta nella strategia di guerra in Libia da parte delle forze guidate dalla Nato?
Francia e Gran Bretagna non sono capaci di condurre le operazioni militari. Prima hanno spinto per instaurare la no-fly zone sulla Libia per difendere dal regime i cittadini, poi hanno provato a rovesciare e a uccidere Muammar Gheddafi con le bombe e ora fanno una rapida retromarcia perché a settembre il mandato della Nato scade e per salvare i calcoli economici.

Quali calcoli?

I due paesi sono partiti con l’idea di sfruttare di più il petrolio libico, tra l’altro ai danni dell’Italia, ma ora questa possibilità sfuma del tutto perché i ribelli non conquisteranno mai la Libia: sono divisi tra di loro e invisi a molte tribù. Sarkozy con i suoi voltafaccia è davvero spregiudicato: se penso che solo nel 2007 diceva che Gheddafi era un ottimo leader. Siamo alla fine della parabola negativa che questa guerra rappresenta.

Il rais libico Muammar Gheddafi è stato definito un criminale di guerra e il tribunale dell’Aja ha spiccato contro di lui un mandato di arresto internazionale. Come può rimanere in Libia?

Qualunque governo esca dalle trattative tra i libici fedeli a Gheddafi e i suoi oppositori, nascerà da un negoziato. Il colonnello ha ancora in mano la cassa e le armi e non gli sarà difficile assicurarsi l’impunità senza contare che bisogna vedere quali delle accuse contro di lui sono vere perché la notizia delle fosse comuni e degli stupri si sono rivelate false.

L’Italia è costretta a partecipare a questa guerra fino alla fine o può sfilarsi in qualche modo?

E’ impossibile uscire prima che venga decretata la fine delle ostilità, ormai dobbiamo andare fino in fondo e affrontare i nostri alleati, confrontarci con loro, contrastarli anche. Però non dobbiamo dimenticare che restiamo quelli che hanno più rapporti e più esperienza con la Libia. Dobbiamo essere presenti e cercare di guidare le trattative. Ne va di tutti i nostri accordi economici con il paese nordafricano.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana