Google+

Libia. Il governo di unità nazionale dell’Onu non unisce e non è un governo, però funziona

aprile 6, 2016 Leone Grotti

L’Onu, stufo di aspettare un’intesa tra le parti, ha appoggiato il blitz via mare. Armi e soldi sono gli unici appoggi che contano, la legalità e il consenso popolare verranno

Erano anni che dalla Libia non arrivava una singola buona notizia, tra espansione territoriale dell’Isis, divisione del paese tra due governi e mille fazioni armate, produzione del petrolio in picchiata e migliaia di profughi sfruttati, costretti a rischiare la morte in mare.

ADDIO GOVERNO DI TRIPOLI. «Vi informiamo che il nostro lavoro come potere esecutivo si ferma qui». La buona notizia è contenuta in uno stringato comunicato stampa emesso ieri dal governo di Tripoli, instaurato con un golpe armato di gruppi islamisti nel 2014. L’autoproclamato Governo di salvezza nazionale ha deciso di dimettersi dopo che l’esecutivo appoggiato dall’Onu, e guidato da Fayez Serraj, è giunto nella capitale via mare.

ARMI E SOLDI. Gli uomini di Serraj si riuniscono ancora in una ben protetta base navale e non osano prendere possesso degli uffici in centro, per timore che qualche milizia armata esponga con le armi il suo dissenso. Però sono entrati, hanno stretto accordi con le fazioni armate più forti per essere difesi ed accettati e godono dell’appoggio della Banca centrale, da una parte, e della compagnia petrolifera nazionale, dall’altra. Armi e soldi sono gli unici appoggi che contano, la legalità e il consenso popolare verranno.

QUADRO LEGALE INCERTO. Il quadro legale in cui si inserisce questo governo di unità nazionale infatti è molto incerto. L’obiettivo dell’Onu e dell’inviato speciale Martin Kobler era quello di creare un esecutivo al quale partecipassero il Parlamento riconosciuto dalla comunità internazionale, quello di Tobruk, insieme a quello golpista di Tripoli. Serraj non ha ottenuto l’approvazione né del primo, né del secondo. Il governo di unità nazionale, dunque, non solo non ha alcuna autorità ma è imposto dall’esterno.

FUNZIONA. L’Onu però, stufo di aspettare un’intesa tra le parti che non arrivava mai, ha appoggiato un piccolo blitz via mare, rinunciando a tutte le belle parole e ai grandi principi esposti nei summit da due anni a questa parte. Tobruk non ha ancora accettato l’autorità degli uomini di Serraj ma è probabile che verrà trovato un accordo. La Libia potrebbe anche finire divisa in tre parti (Tripolitania-Cirenaica-Fezzan), ma è ancora presto per dirlo. Per il momento il governo di unità nazionale non unisce e tecnicamente non è neanche un governo. Però funziona. Ed è già un enorme passo avanti.

Foto Ansa e Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana