Google+

Disastro Libia. L’Italia è sicura di avere l’appoggio europeo?

gennaio 27, 2017 Leone Grotti

Le bombe esplodono vicino all’ambasciata italiana di Tripoli (l’unica per ora) e i partner europei latitano

La situazione in Libia è sempre più fragile e frammentata. E l’Italia rischia di pagarne il prezzo. Il 10 gennaio il nostro ambasciatore Giuseppe Perrone si è insediato a Tripoli, aprendo la prima ambasciata europea nella capitale libica, con grande soddisfazione del premier del governo di unità nazionale sostenuto dall’Onu Fayez Serraj. Secondo l’immaginario delle Nazioni Unite, Serraj dovrebbe governare su tutto il paese ma la realtà è tragicamente diversa.

CIRENAICA CONQUISTATA. La Cirenaica è saldamente in mano al governo di Tobruk, un tempo sostenuto dalla comunità internazionale, alleato del generale Khalifa Haftar. Questi martedì, dopo due anni di assedio, è riuscito a strappare ai jihadisti di Ansar al-Sharia anche l’ultimo quartiere di Bengasi, roccaforte da cui era partita la rivolta contro Muammar Gheddafi. Ora Haftar controlla tutta la parte orientale del paese dal confine egiziano fino al terminal petrolifero di Sidra, vicino a Sirte.

BISOGNA PARLARE CON HAFTAR. È ormai evidente che senza un accordo con Haftar, a suo tempo appositamente escluso dal governo di unità nazionale, la stabilità della Libia è una chimera. Anche perché Haftar, e con lui Tobruk, non riconoscono la legittimità del governo di Serraj e mirano anzi a scalzarlo conquistando militarmente tutto il paese. Se l’Onu sostiene Serraj, la verità è che Haftar ha gli appoggi importanti di Egitto, Russia e Francia (che ha deciso di agire in solitaria, nonostante l’Ue abbia dichiarato di fiancheggiare Serraj). Come se non bastasse, l’ex premier Khalifa Ghwell, a capo di una fazione islamista, ha tentato il 12 gennaio di conquistare la capitale con un colpo di Stato e non riconosce l’autorità del governo Onu.

LA POSIZIONE DELL’ITALIA. L’Italia dunque è in una posizione spinosa: si è schierata apertamente a fianco di un governo che non controlla tutta la Tripolitania, mentre l’altra fazione, quella di Haftar, ha saldamente in mano la Cirenaica, dove tra l’altro si trovano il 70% delle riserve petrolifere del paese. Sabato tre uomini hanno fatto esplodere una bomba vicino all’ambasciata italiana di Tripoli, segno che ad alcuni attori la mossa italiana non è piaciuta.

LIBIA UNITA. Come scrive oggi sul Corriere della Sera Paolo Mieli, l’Italia con il premier Gentiloni sta cercando di portare avanti una mediazione tra Serraj e Haftar nell’interesse di una Libia unita. Ma sembra essere da sola: «Dalle parole calibrate di Gentiloni è lecito desumere che anche i preparativi per l’apertura di un’ambasciata a Tripoli abbiano fatto parte della strategia italiana di “lavorare assieme” all’Egitto». Inoltre, «sarebbe arduo supporre che l’apertura di un’ambasciata a Tripoli non sia stata concordata con il consesso europeo».

CI HANNO LASCIATI SOLI? Ma allora, si chiede l’ex direttore, perché nessun ministro degli Esteri Ue si è espresso pubblicamente sulla vicenda? E ancora: «Il fatto che l’Italia sia il solo paese occidentale ad avere un’ambasciata a Tripoli appare come una scelta che stride con la decisione di fare musica sempre e comunque nel “concerto europeo”. Stride e pone interrogativi: non soltanto in tema di sicurezza (sarebbe da ipocriti non ricordare l’orrenda fine che fece nel 2012 l’ultimo ambasciatore americano in Libia, Chris Stevens) ma per la curiosa circostanza che, dopo aver festeggiato tra di noi l’essere arrivati primi in quel di Tripoli, ci siamo voltati e non abbiamo visto presentarsi al traguardo né i secondi, né i terzi. «Benvenuto apripista!», si è congratulato Serraj con l’ambasciatore Perrone. Peccato che, ad oggi, dietro di lui la pista sia vuota».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

In mezzo a tante amenità con gli occhi a mandorla, al Salone di Shanghai si possono ammirare anche alcune autentiche perle. Tra queste merita una menzione speciale l’Aston Martin Vantage S Great Britain Edition, una serie speciale tirata in soli cinque esemplari destinati proprio al mercato cinese. Ciascuno sarà venduto a 236.000 sterline, pari a […]

L'articolo Aston Martin Vantage S Great Britain Edition proviene da RED Live.

Fra dieci anni la Formula 1 sarà così. Autonoma? Elettrica? Impersonale? Nulla di tutto questo. Le monoposto di domani (ri)metteranno l’uomo al centro della scena. Ponendogli sotto il sedere quasi 1.400 cv. Parola di Renault che, con la concept R.S. 2027 Vision, svela l’orizzonte della massima serie dell’automobilismo sportivo. Abitacolo chiuso e casco trasparente Svelata […]

L'articolo Renault R.S. 2027 Vision: la Formula 1 del futuro proviene da RED Live.

Metti una mattina uggiosa, lo sguardo un po’ assonato che si posa sul nuovo Honda X-ADV parcheggiato in cortile e i contorni delle immagini che lentamente sfumano. Ecco che all’improvviso l’asfalto urbano muta in sterrato, lo skyline cittadino cede il posto alla vegetazione rigogliosa e alle spiagge dorate della Sardegna, mentre il completo elegante si trasforma in quello da […]

L'articolo Honda X-ADV, tra città e sterrato con Mariano Di Vaio proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana