Google+

Libia al voto dopo 48 anni, ma il paese è nel caos

luglio 7, 2012 Leone Grotti

I seggi saranno aperti dalle 8 alle 20 per eleggere l’Assemblea costituente. Prevista la vittoria dei Fratelli Musulmani libici. Ma la Cirenaica è in subbuglio e le bande armate seminano ancora il terrore.

Oggi la Libia torna al voto 48 anni dopo le ultime elezioni. Il voto era previsto per il 19 giugno, ma per motivi “tecnici e logistici” (tra cui l’occupazione dell’aeroporto di Tripoli da parte di un gruppo di bande armate) sono state rinviate a oggi. L’ultima volta per i libici è stata nel 1964 quando alla guida del paese c’era re Idriss, deposto nel 1969 dal raìs Muammar Gheddafi, che dopo 42 anni di dominio incontrastato, i partiti politici erano vietati, è stato deposto e ucciso lo scorso 20 ottobre.

La Libia si avvicina alle elezioni in pieno caos: le bande armate scorrazzano indisturbate per il paese, la Cirenaica si è proclamata regione semi-autonoma, il sistema giudiziario non esiste ancora, il Consiglio nazionale transitorio libico ha dichiarato che la Costituzione sarà certamente e come minimo ispirata alla sharia e pochi giorni fa un gruppo di federalisti armati ha ordinato la chiusura di due terminali petroliferi nell’est del paese costringendo allo stop della produzione. L’azione segue le minacce pro-federaliste che avevano intimato il boicottaggio delle elezioni del 7 luglio. I federalisti rivendicano una più equa allocazione tra le diverse parti del paese dei 200 seggi che verranno redistribuiti oggi e che attualmente prevedono, secondo un criterio demografico, 100 seggi per la regione occidentale, 60 per quella orientale e 40 per quella meridionale.

I seggi saranno aperti dalle 8 alle 20, i libici iscritti alle liste elettorali sono più di 2,7 milioni. In palio ci sono 200 posti nell’Assemblea costituente: di questi 80 andranno ai partiti politici e il rimanente ai candidati indipendenti. I candidati indipendenti sono 2.500, 1.200 appartengono a 142 partiti politici. Tra questi spiccano il partito di Giustizia e Sviluppo (o Costruzione), ramo politico dei Fratelli Musulmani, Al-Watan, guidato da Abdel Hakim Belhaj, ex leader del Gruppo Combattente dei Libici Islamici (Lifg), e la coalizione delle Forze Nazionali, i “moderati” della nuova Libia, guidata dall’ex premier del Consiglio nazionale di transizione, Mahmoud Jibril.

La Libia è attualmente guidata dal Cnt, organo non eletto e formato da leader tribali e oppositori di Gheddafi. L’Assemblea costituente ha il compito di nominare un nuovo governo e una commissione per redigere una Costituzione che dovrà poi essere ratificata con un referendum. Dopo, verranno fissate nuove elezioni nel 2013 per eleggere un Parlamento che sostituisca il Cnt, sperando che il paese non si divida prima.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. autores scrive:

    Queste bande armate della Libia sono tutte al Sud della Libia,proprio come e’ nel Sud del Egitto l’esercito dell’Egitto e’ contro i Sudanesi armati che occupano l’Egitto del Sud ed e’ per questo che in Libia del sud i gruppi armati sono integri all’esercito Libico contro le Tribu’ di Africa ed ai negri Africani. I gruppi sono retribuiti ed assicurati dal Governo Libico,e’ dichiarato al Sito di Governo. C’e’ qualche gruppo soversivo che e’ contrario all’integrarsi nell’esercito Libico ed e’ perche’ si sono considerati ribelli Liberali,sono in molto pochi,ed e’ nel complesso tutto l’esercito Libico unito ai battaglioni ed ai gruppi ribelli,questo e’ un grande caos ribelle,ogni modo. L’esercito Libico mette in pratica la dittatura militare che fa’ abuso contro di tutti con la scusa della Sicurezza interna della Libia e che e’ per i confini. Voi vedete qualche negro di Africa,Africa in Libia ed in Egitto?Forse qualche Partito Politico coi negri di Africa Africa e no come intende e pretende l’Egitto in Egitto?Questo e’ il vero Caos e’ pare che la Grande Industria di Africa no ha alcun timore in caso di controspionaggio, e’ perche’ sa’ che gli U.S.a. e’ dalla parte dell’Africa e no di quella della Libia e dell’Egitto in caso di guerra contro l’Africa.

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

Bye bye 1.6 TDI da 110 cv. Hai fatto un buon lavoro, però i tempi sono maturi perché tu venga sostituito da un’unità sì di pari cilindrata, ma più moderna e performante. Almeno questo è il parere di Audi che dedica alla gamma A3 il quadricilindrico turbodiesel di 1,6 litri e 116 cv già impiegato […]

L'articolo Audi A3: 1.6 TDI da 116 cv per tutta la famiglia proviene da RED Live.

Cresce la famiglia Range Rover. Tra la “piccola” Evoque, declinata anche in configurazione Coupé e Convertible, e la Range Rover Sport s’inserisce l’inedita Velar, chiamata al debutto in occasione del Salone di Ginevra (9-19 marzo). Sebbene non siano state diffuse informazioni di dettaglio in merito al nuovo modello, è probabile che possa contare su di […]

L'articolo Range Rover Velar: un nuovo tassello proviene da RED Live.

COSA: BMW xDRIVE EXPERIENCE Due percorsi per testare il sistema di trazione integrale  DOVE E QUANDO: San Candido (BZ), 24 febbraio-5 marzo Nelle due settimane legate al Carne nei pressi delle piste di San Candido è possibile provare tutta la gamma equipaggiata con il sistema di trazione integrale intelligente BMW xDrive, capace di trasferire le forze […]

L'articolo RED Weekend 23-26 febbraio, idee per muoversi proviene da RED Live.

Thunder Stroke™ 111: è il cuore che muove la Springfield, un bicilindrico a V da 1.811 cc e 135 Nm di coppia massima. La stazza conta fino a un certo punto e, a fronte di una distribuzione dei pesi ottimale, i 390 kg non fanno paura. Il prezzo, invece, un po' di più: 27.290 euro.

L'articolo Prova Indian Springfield proviene da RED Live.

Se avete 499.000 euro da spendere e volete un’auto assolutamente fuori dagli schemi, in grado di far impallidire persino i possessori di una hypercar come la Pagani Huayra, allora è in arrivo la vettura per voi. La nuova Pal-V Liberty è la prima automobile di serie al mondo in grado di volare! Per dire definitivamente […]

L'articolo Pal-V Liberty: l’auto volante è realtà proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana