Google+

Libia, 11 settembre: «Dove dobbiamo far esplodere la bomba?». Terroristi fanno votare Facebook

settembre 13, 2013 Leone Grotti

È il post pubblicato dagli estremisti di “Emirato islamico di Libia”. Nell’anniversario dell’attacco alle Torri Gemelle una bomba è davvero esplosa davanti a un edificio del ministero degli Esteri

«Con l’avvicinarsi del giorno dell’orrore per gli infedeli e gli apostati, l’11 settembre, faremo un bombardamento. Dove vorreste che lanciassimo questo missile?». È il messaggio che il gruppo estremista “Emirato islamico di Libia” ha pubblicato su Facebook poco prima dell’11 settembre. Il post era accompagnato dall’immagine di un missile.

TRE OBIETTIVI. Il gruppo, riporta il Guardian, ha chiesto al social network di votare tra tre possibili obiettivi: il Congresso libico, le ambasciate e la sede delle forze speciali governative “Thunderbolt”. Tra le ambasciate, era stato spiegato in un precedente messaggio, c’era anche quella americana, già colpita l’11 settembre dell’anno scorso da un altro gruppo estremista, che ha causato la morte dell’ambasciatore Chris Stevens.

BOMBA A BENGASI. Nell’anniversario dell’attacco alle Torri Gemelle, la Libia ha poi realmente subito un attentato: una bomba è stata fatta esplodere davanti a un edificio del ministero degli Esteri libico a Bengasi. L’edificio veniva usato dal consolato americano durante il regno del re Idris, 50 anni fa.

CRISI PETROLIFERA. Dopo l’attentato il leader del partito Giustizia e costruzione, affiliato ai Fratelli Musulmani, ha chiesto le dimissioni del primo ministro Ali Zaidan. La Libia soffre da ormai un mese il blocco quasi totale dei porti, che ha causato un crollo drastico delle esportazioni di petrolio, ora ridotte a un decimo. A Tripoli le scorte scarseggiano e l’accesso all’elettricità, insieme all’acqua, subisce costanti interruzioni.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Piero says:

    Robert PISTOLesi, nomen omen…………..

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Una Chevrolet così potente non la si era mai vista. Del resto, mai una Corvette di serie si era spinta tanto in là. La nuova ZR1 promette di scrivere un inedito capitolo della storia della Casa americana. Attesa sul mercato dalla primavera del 2018, la sportiva a stelle e strisce vede il V8 6.2 sovralimentato […]

L'articolo Chevrolet Corvette ZR1 2018: lo show dei record proviene da RED Live.

Il Ciclocross moderno ha poco a che vedere con ciò a cui eravamo abituati: percorsi più tecnici e veloci hanno portato a un cambiamento nelle attitudini dei biker, che devono essere assecondate da biciclette altrettanto evolute. Canyon ha progettato la nuova Inflite CF SLX con in mente proprio queste rinnovate esigenze e l’ha dotata di […]

L'articolo Canyon Inflite CF SLX proviene da RED Live.

Anche se ottima ventilazione, aerazione, visiera amovibile e comfort sono aspetti molto importanti in un casco da bici, la differenza reale la fa la capacità di proteggere… Bontrager ha scelto di affidare la nostra sicurezza alle mani, o meglio, alla tecnologia di MIPS, dotando il nuovo Quantum del MIPS Brain Protection System, che a oggi rappresenta […]

L'articolo Bontrager Quantum MIPS, nuova sicurezza proviene da RED Live.

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download