Google+

Libertà religiosa, cristiani aggrediti e malmenati in India e in Cina

agosto 23, 2013 Redazione

A Karon, in India, un sacerdote e due suore sono stati picchiati da circa 150 persone. Ad Hainan, in Cina, il governo ha sottratto un terreno per la costruzione di una chiesa

Di Redazione, tratto da Zenit.org – Non si arrestano nel mondo le violenze verso i fedeli cristiani. Nei giorni scorsi è giunta più di una notizia su selvagge aggressioni nei confronti di sacerdoti, suore e laici. Il primo caso è avvenuto in India, precisamente a Karon (Jharkhand). Lì – riferisce l’agenzia AsiaNews –, due giorni fa, un sacerdote gesuita e due suore, che operano dal 2004 in una missione cattolica con i tribali Santal, sono stati insultati e picchiati da circa 150 persone. La violenza pare sia stata scatenata dalla morte di un bambino di 7 anni, che alloggiava nell’ostello gestito dai religiosi cattolici. Lo scorso 2 agosto, il bambino accusava forti dolori allo stomaco, tanto da preoccupare i missionari che lo hanno portato d’urgenza all’ospedale locale, dove è deceduto a causa di un arresto cardiaco, come stabilito dai medici. Il corpo del piccolo è stato riportato dal sacerdote e dalle suore nel suo villaggio natale, nel distretto di Chittaranjan (West Bengal). Gli abitanti, inferociti, hanno prima trattenuto i cattolici, per poi lasciarli andare.

Racconta il padre gesuita Michael Panimegam, direttore della missione, ad AsiaNews: «Avevamo chiesto loro un nuovo incontro e il 18 agosto si sono presentate circa 150 persone, inclusi i genitori del bambino. Poco dopo aver iniziato il padre si è avvicinato e mi ha schiaffeggiato. Da lì altri hanno iniziato a rompere i vetri delle finestre, distruggere suppellettili, e la madre ha preso a picchiarmi».

Oltre 60 donne hanno attaccato suor Sahaya, preside della scuola della missione, tirandole i capelli e i vestiti, e poi malmenandola, riferisce il sacerdote. L’intervento della polizia ha disperso le centinaia di persone. Uno dei sacerdoti presenti al momento dell’aggressione, padre Salomon, ha riportato ferite alla testa. Come se non bastasse, il gruppo, prima di andar via, ha chiesto un risarcimento di 1 milione di rupie, che i missionari però non hanno accettato.

I gesuiti della missione sospettano che a fomentare la comunità, facendo leva sul dolore della perdita, siano stati i gruppi radicali indù Rashtriya Sawayamsevak Sangh (Rss) e Bajrang Dal. «Perdono i miei aggressori – ha dichiarato sempre ad AsiaNews padre Panimegam – e con la grazia di Dio e del suo Spirito continuerò a servire questa comunità santal attraverso la missione educativa dei gesuiti».

VIOLENZE IN CINA. Un caso analogo di violenza verso cristiani è avvenuto poi nella contea cinese di Lincheng, nella provincia meridionale di Hainan. Una squadra di “teppisti” e funzionari del governo, la mattina del 13 agosto, ha picchiato ferocemente un gruppo di cristiani che cercava di impedire il furto dei terreni su cui doveva sorgere la loro Chiesa. Due donne sono finite in coma e tra i feriti ci sono anche anziani e bambini. L’episodio è stato confermato, a distanza di circa una settimana, dal gruppo China Aid, che monitora la situazione dei diritti umani e civili in Cina. Come riferisce AsiaNews, la comunità cristiana di Lingao ha chiesto alla polizia di intervenire, ma gli agenti nel corso del raid sono rimasti a guardare. Addirittura, le autorità giudiziarie si sono rifiutate di aprire un’indagine su quanto accaduto.

Fonti locali riferiscono che lo scontro sia nato dopo che il governo locale ha venduto ad alcuni industriali i terreni acquistati precedentemente dalla comunità di fedeli. La speranza era di costruire su quel terreno una Chiesa dove incontrarsi e raccogliersi in preghiera. Il governo, però, ha agito in segreto. Fino all’arrivo delle ruspe che volevano aprire un cantiere, nessuno si era accolto di nulla. Alla pretesa di aprire sul luogo un cantiere, alcuni fedeli hanno protestato, per poi essere aggrediti pesantemente.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download