Google+

Liberia. A due mesi dalla fine di Ebola, si torna a mangiare «carne pericolosa»

giugno 25, 2015 Leone Grotti

L’ultima epidemia – 4.700 vittime nel paese – è iniziata dal contatto con un pipistrello infetto. La vendita di carne selvatica è ancora bandita ma «si vende dall’alba dei tempi, perché metterci in difficoltà?»

In Liberia l’epidemia di Ebola si è conclusa, dopo oltre un anno, il 9 maggio 2015. Nei giorni successivi all’annuncio, nella capitale Monrovia si è festeggiato e si è pregato per le 4.700 persone uccise dal virus nel paese dall’aprile del 2014. La presidentessa Ellen Johnson Sirleaf, però, ha subito dichiarato che «il lavoro non è ancora finito». E aveva ragione.

CARNE SELVATICA. A quasi due mesi dalla liberazione dall’epidemia, che ha colpito anche Guinea e Sierra Leone per un totale di oltre 11 mila vittime, la carne degli animali selvatici della foresta è tornata sui banchi del mercato. Si pensa che il virus abbia contagiato i tre paesi africani dopo il contatto di un bambino con un pipistrello morto e infetto. Ora, agli angoli delle strade della Liberia, in tanti hanno ricominciato a vendere la carne di scimmie, antilopi, pipistrelli, procioni, roditori e tanti altri animali.

«LA VENDO DA SEMPRE». Anche James Coleman, 35 anni, è tornato al suo vecchio lavoro: «Vendo questo tipo di carne al mercato dall’alba dei tempi», dichiara a Irin. «È quello che faccio per mantenere la mia famiglia e mandare i miei figli a scuola». Cacciare e vendere la carne di animali selvatici sono pratiche vietate in Liberia dal luglio 2014. Sono previste pene che comprendono anche il carcere. Durante l’epidemia, la paura di contrarre il virus ha fatto sì che il divieto venisse osservato nel paese. Ora però non è più così.

CONTROLLI SU OGNI AUTO. Musu Tomas vende la carne al mercato di Harbel, contea di Margibi, fin dagli anni Ottanta. Durante l’epidemia aveva smesso, ora ha ricominciato: «La polizia continua a prenderci di mira e a sequestrarci la carne. Dicono che il divieto è ancora valido. Ma Ebola non c’è più, quindi perché metterci in difficoltà in questo modo?». Gli ufficiali della sicurezza hanno l’ordine di controllare tutte le automobili: «Questa gente è testarda», dichiara un poliziotto a Irin, mantenendo l’anonimato. «Sequestriamo la carne, la bruciamo, ma continuano a portarla. Ecco perché controlliamo ogni auto».

POVERTÀ. Secondo gli esperti in Liberia, «il rischio di contrarre il virus dal contatto con questa carne è basso, in effetti, ma bisogna lo stesso fare attenzione». Anche perché l’ultima epidemia sarebbe scoppiata proprio così. Il problema è che molti abitanti sono troppo poveri per potersi permettere un altro tipo di carne. Korwu Guanue, 42 anni, la mangia da quando è nata: «Quando il governo ha dichiarato finita l’epidemia, ho festeggiato con i miei figli mangiando un panino pieno di carne selvatica. Non sono spaventata, i nostri genitori l’hanno sempre fatto senza mai prendere Ebola. Perché dovrebbe succedere ora? Io non posso farne a meno».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI says:

    Hanno festeggiato con un panino, bene; forse con un lutto in famiglia lo avrebbero mangiato lo stesso..La fame dev’essere proprio brutta….I governatori -chissà perchè- invece son tutti belli rotondotti: ho saputo anche di maniglie e rubinetti d’oro, ma credo nei piu’ nei Paesi petroliferi.

  2. Sebastiano says:

    Diventare allevatori no?

    • Menelik says:

      Guardate questo video.
      E’ il mattatoio di Port Harcour, in Nigeria.
      E’ molto istruttivo specialmente sotto i profili….sanitario e microbiologico.
      Prestate anche attenzione alla frase finale, al 21.20
      https://www.youtube.com/watch?v=ukSAfBulphU

      • SUSANNA ROLLI says:

        …nella loro infinita miseria, ricordano Dio. Notare le vacche magre. E i rubinetti e maniglie d’oro son sempre là, là ci staranno sempre.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download