Google+

L’etica del parcheggio abusivo, uno spettacolo teatrale da vedere con le cuffie

gennaio 16, 2013 Paola D'Antuono

Si chiama audiodramma, ed è un nuovo modo di fare teatro. Ma anche radio. Scritto da Elisabetta Bucciarelli, racconta del sedicente Mario, parcheggiatore abusivo e aspirante intellettuale.

Dopo il folgorante esordio con Massimo Carlotto, al Teatro Elfo Puccini si continua a portare in scena ciò che non si dovrebbe. La sala è la stessa, raccolta, nera, brulicante. Sul palco questa volta ci sono nuovi attori e una storia diversa ma la sostanza non cambia. Sergio Ferrentino e la sua Fonderia Mercury presentano al pubblico milanese un nuovo modo di ascoltare un dramma e di vedere una rappresentazione. L’hanno ribattezzato audiodramma. Il pubblico assiste a un radiodramma eseguito in diretta e in teatro. Si è tutti pregati di “non parlare, non starnutire, non muoversi sulla sedia”, perché è importante che attorno ci sia silenzio.

PARCHEGGIO. Entrano gli attori e si va in scena. La storia, a opera della scrittrice milanese Elisabetta Bucciarelli, racconta di Mario, parcheggiatore abusivo amatissimo dai lavoratori della piazza in cui presta la sua opera. Mario non si accontenta di un gratta e sosta per accedere alle strisce blu, Mario vuole mettere alla prova la cultura dei proprietari delle auto. “Cos’è un palindromo? E un’anafora?”. Bisogna saper rispondere, altrimenti non si può sostare nel “suo parcheggio”. Ma chi è davvero Mario? Vorrebbe saperlo anche l’Ispettore, che sta interrogando gli abituali clienti del parcheggio sotto la grande quercia. C’è Olga, signorina simpatia e sarta al teatro dell’Opera, dalla presenza un po’ ingombrante, il Bancario, dall’accento bergamasco e dai modi poco gentili, Lidia, che non mangia mai e spera di trovare l’amore e Suvman, inseparabile dal suo enorme alano. Tutti hanno avuto a che fare con Mario e tutti devono raccontare chi era davvero questo parcheggiatore con velleità da intellettuale.

MARIO. Ma chi è Mario nessuno lo sa davvero, nemmeno il pubblico presente in sala. Certo, la sua voce è quella del bravissimo Edoardo Lomazzi ma qui voce e identità non coincidono come a teatro. Mario è un personaggio sopra le righe: alcuni lo amano, altri lo odiano, altri ancora lo temono, altri lo rispettano. Mario è al centro di tutte le indagini dell’ispettore (Claudio Moneta) ma non interviene mai in prima persona. Vive attraverso i racconti della corpulenta Olga (una magrissima Cecilia Broggini), Lidia (Valeria Ferrario) e del Bancario (Giulio Baraldi), che non sapeva mai rispondere ai suoi quesiti. Solo con l’arrivo di Suvman (l’istrionico Fabrizio Martorelli) alcuni tasselli sembrano andare a posto. S’intuisce che qualcosa è accaduto ma, come ogni giallo dai risvolti noir che si rispetti, la verità si conoscerà solo alla fine. Quando il pubblico, tolte le cuffie, torna alla realtà e abbandona lo sdoppiamento sensoriale a cui è stato obbligato e a cui ha ceduto con innegabile piacere.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.