Google+

Leonardo DiCaprio e la vita green: auto elettriche, niente hamburger e poche docce

gennaio 22, 2013 Paola D'Antuono

Ha annunciato il ritiro dalle scene per dedicarsi all’ambiente. Ma il divo di Titanic vive già da anni come perfetto ambientalista e ha messo in piedi una fondazione che promuove progetti ecosostenibili

«Sono un po’ prosciugato. Per questo ora mi prenderò una lunga, lunga pausa. Ho girato tre film in due anni e sono distrutto. Mi piacerebbe migliorare un po’ il mondo in questo periodo. Ho deciso che viaggerò intorno al globo per dedicarmi al bene dell’ambiente». Con queste parole Leonardo DiCaprio ha annunciato al mondo di volersi separare un po’ dal mondo di Hollywood. Un mondo che gli ha dato fama, successo, visibilità e belle donne, ma che pare averlo stancato. In realtà il trentottenne attore, super conteso dai registi, negli ultimi anni ha avuto un nuovo colpo di fulmine.

GREEN. Il suo amore si chiama rispetto per l’ambiente e l’ha portato a cambiare radicalmente vita. L’attore ha anche fondato la Leonardo DiCaprio Foundation, allo scopo di diffondere le sue idee su come “garantire un futuro sostenibile per il nostro pianeta e tutti i suoi abitanti”. Ormai da anni Leo ha abbandonato la carne e pratica un vegetarianesimo ortodosso. Si lava solo due volte alla settimana, per evitare di sprecare acqua inutilmente, con buona pace degli attori costretti a stargli vicino sul set. Sul tetto di casa si è fatto installare dei pannelli solari e anche quando è costretto a uscire, Leo non si dimentica del pianeta. Bici per gli spostamenti brevi e un’auto ibrida, la Toyota Prius, per viaggi più lunghi. Da un po’ di tempo poi l’attore gira a bordo di una bellissima Karma Fisker, la prima auto elettrica di lusso. La casa automobilistica e l’attore lavorano fianco a fianco nello sviluppo di progetti sostenibili e a scarso impatto ambientale e DiCaprio ha prestato il suo volto per la campagna promozionale della berlina.

CAFFE’ E OROLOGI. Come testimonial Leo si concede di rado, a meno che non si tratti di una buona causa. Nel 2007 l’attore di Titanic decise di donare il proprio polso al marchio di orologi Tag Heuer, che in cambio devolse parte dei ricavati della vendita a due associazioni a tutela dell’ambiente a lui care, la Green Cross International e il e National Resource Defense Council. E mentre l’amico George Clooney beve solo caffè di una certa marca, la Leonardo DiCaprio Foundation si è messa all’opera per produrre un caffè biologico, i cui ricavati verranno interamente devoluti per finanziare progetti della fondazione.

SOLDI. Per il divo i soldi non sono sicuramente un problema ma è anche vero che molti dei suoi compensi sono stati investiti in cause ambientali. Nel 2010 ha donato un milione di dollari per la ricostruzione di Haiti, devastata dopo il terremoto e, nello stesso anno, ha donato un altro milione di dollari al Wildlife Conservation Society, la fondazione statunitense per la tutela della vita naturale. Stessa cifra anche per supportare un progetto del WWF per la salvaguardia e la conservazione della tigre, animale a rischio di estinzione. Da anni Leo si batte anche per la salvaguardia degli squali e degli elefanti e qualche mese fa ha inviato una mail agli ambientalisti del gruppo Avaa chiedendo la creazione di un santuario marino nell’Oceano Antartico per proteggere le specie che vi abitano. Il cinema per adesso può aspettare, Leo ha ancora molto da fare e milioni di dollari da donare per salvare il pianeta. Eh si, è proprio un uomo da sposare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. ErikaT scrive:

    Bravo Leo, anche io sono veg

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana