Google+

Leona Lewis, la rosicona del pop

ottobre 16, 2012 Elisabetta Longo

Anche nell’industria discografica si possono assistere a scene da primo giorno di saldi, in cui i poveri maglioncini scontati vengono strappati al grido di “l’ho visto prima io”. Solo che si tratta di canzoni. È il caso di Leona Lewis, bella vincitrice della terza edizione inglese di Xfactor, ormai giunta al terzo album. Se i […]

Anche nell’industria discografica si possono assistere a scene da primo giorno di saldi, in cui i poveri maglioncini scontati vengono strappati al grido di “l’ho visto prima io”. Solo che si tratta di canzoni. È il caso di Leona Lewis, bella vincitrice della terza edizione inglese di Xfactor, ormai giunta al terzo album. Se i suoi primi lavori avevano conquistato il pubblico, per la sua notevole estensione vocale, l’interesse verso le hit proposte da Leona è andato un po’ scemando. A breve dovrebbe uscire con il suo terzo lavoro, Glassheart, e nel frattempo la cantante rilascia interviste. Specie sulle sue colleghe che, a quanto dice, le rubano le canzoni, alludendo al fatto che nell’industria del pop ci sono autori che compongono e discografici che comprano e poi offrono al loro parco cantanti.

LA MIA È MIGLIORE. La prima accusa l’ha lanciata qualche mese fa contro Katy Perry, una che potrebbe trasformare “La vecchia fattoria” in una hit da top ten. «Katy mi ha rubato Firework, quel pezzo era destinato a me, io sarei stata più adatta a interpretare quelle sonorità». In effetti la neodivorziata felice Perry non brilla per doti vocali, ma poco importa ai discografici che le hanno assegnato la canzone. Sa come vendere. Ora Leona torna a rivendicare un furto subito e stavolta la colpevole è Rihanna. «Ho lavorato con Calvin Harris, l’autore della canzone “We found love”. L’avevamo già registrata solo che poi Calvin è partito per il tour con Rihanna e così la canzone è andata a lei. Ma la mia versione era migliore». Non c’è due senza tre, e quindi viene da chiedersi chi sarà la prossima accusata dalla Xfactor girl. Certo, se Rihanna ha sentito questa affermazione, altro non avrà fatto che mettersi a ridere, visto che con “We found love” si è piazzata al primo posto delle classifiche in 25 paesi, vendendo 6,5 milioni di copie.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana