Google+

Legge elettorale incostituzionale? Se la Consulta dirà sì, 148 deputati del Pd potrebbero “decadere”

dicembre 2, 2013 Redazione

Domani la Corte Costituzionale esaminerà la legittimità del Porcellum. Secondo Brunetta (Fi) e alcuni costituzionalisti, il Pd rischia di perdere la maggioranza assoluta alla Camera dei Deputati

Il destino del Parlamento è appeso alle decisioni della Consulta. Domani, la Corte si riunirà per valutere la costituzionalità del Porcellum, la legge elettorale firmata nel 2005 dal leghista Roberto Calderoli e mai abrogata in tre legislature. Il rischio? Per quanto sembri una possibilità remota, duecento parlamentari potrebbero perdere il posto.

200 DEPUTATI A RISCHIO. Non provocherebbe conseguenze apocalittiche la dichiarazione di incostituzionalità parziale o totale dell’attuale legge elettorale. Tuttavia, almeno in linea di principio, potrebbe cambiare gli equilibri delle forze politiche all’interno del Parlamento. L’elezione di centinaia di deputati non è ancora stata convalidata dalla Giunta, dunque, «se l’attuale legge elettorale è illegittima, sono in bilico 200 deputati», per la maggior parte del Pd, è il ragionamento di Renato Brunetta e Paolo Romani, che hanno esposto le loro “preoccupazioni”, la scorsa settimana sul Foglio. «I deputati di sinistra “abusivi” sarebbero 148 (da 340 scivolerebbero a 192). Il centrodestra avrebbe in tutto solo due onorevoli in meno del centrosinistra, situandosi a 190 e guadagnandone dunque 66». Nel caso il Porcellum fosse dichiarato incostituzionale, il centrosinistra non avrebbe più una maggioranza alla Camera dei Deputati.

I COSTITUZIONALISTI. A riconoscere la fondatezza delle ipotesi di Brunetta e di Romani, è anche il giurista Michele Ainis, che oggi sul Corriere della Sera ha confermato che, nel caso di ammissione del quesito e di giudizio negativo della legge da parte della Consulta, «sarà impossibile convalidare l’elezione di qualche centinaio di parlamentari, dato che le Camere non vi hanno ancora provveduto». Anche Piero Capotosti, presidente emerito della Corte Costituzionale, al quotidiano di via Solferino ha detto di ritenere che il problema posto da Romani e Brunetta «esista e sia serio».

INCOSTITUZIONALITÀ DIFFERITA. Cosa farà la Consulta? L’ipotesi più accreditata è che, qualora accetti il quesito, dichiari l’incostituzionalità parziale del porcellum, e che dunque abroghi il premio di maggioranza. In questo caso, la Giunta della Camera non potrebbe più convalidare le elezioni dei parlamentari, a meno che la stessa Consulta non abbia provveduto a limitare gli effetti del proprio giudizio con «una pronunzia d’incostituzionalità “differita”, che scatterebbe insomma alle prossime elezioni», spiega Ainis. Il problema, ravvisano altri costituzionalisti, è che la dottrina costituzionale in passato ha già criticato aspramente questo tipo di pronunce.

RIFORMA ELETTORALE. Se la legge Calderoli sarà dichiarata in tutto o in parte incostituzionale dovrà essere disapplicata nelle prossime elezioni. In assenza di nuove regole, le possibilità sono due: si avrà un Porcellum senza premio di maggioranza, ed eventualmente con le preferenze, oppure si tornerà alla legge elettorale precedente, il cosiddetto Mattarellum, un sistema maggioritario con quota proporzionale.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Giulio Dante Guerra scrive:

    Stavo per fare esattamente la stessa domanda: qualcuno sa dare una risposta, possibilmente in italiano, e non in “politichese”?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana