Google+

Legge di stabilità approvata alla Camera

dicembre 20, 2013 Chiara Rizzo

Con 350 voti favorevoli la legge passa e va all’esame del Senato. Si lavora per il ritiro della norma contro i comuni “anti-slot machine”, e per trovare 1,3 miliardi di euro di mancato gettito Imu

La Camera con 350 voti favorevoli e 196 contrari ha approvato la legge di stabilità 2014: domani il testo passerà a Palazzo Madama dove il voto è in calendario per lunedì 23. Intanto Letta cerca di placare la rivolta dei Comuni sui tagli, «Questa è la prima legge di stabilità dà ai comuni e non taglia; la questione posta troverà attenzione. invito i comuni ad avere un atteggiamento dialogante perché con il dialogo i problemi si risolvono».

«ALL’ITALIA NON SERVE BABBO NATALE». Letta ha quindi proseguito: «Qualcuno forse crede che all’Italia serva Babbo Natale, ma io penso che ci voglia solo un buon padre di famiglia che compia scelte equilibrate». Letta in queste ore è a Bruxelles, dove, dopo la notizia del declassamento di Standard & Poor dell’intera Ue (passata dalla tripla A alla doppia) si respira un’aria molto tesa. Stamattina il commissario europeo agli Affari economici, Olli Rehn ha dichiarato “guerra” alle agenzie di rating: «La Commissione europea non è d’accordo con Standard & Poor’s sul fatto che gli obblighi degli Stati membri sul bilancio Ue in uno scenario di stress sono messi in discussione: tutti gli Stati hanno sempre, anche durante la crisi finanziaria, fornito i loro contributi attesi al bilancio in pieno e in tempo». Letta invece è stato più catuto e ha detto che «Il downgrade, non va sottovalutato: è la dimostrazione che la transizione non è finita e che l’euro e la Ue sono sotto osservazione, c’è bisogno di molta attenzione e molta prudenza, servono scelte determinate».

LA RIVOLTA DEI SINDACI. Lo “sciopero” dei sindaci nei rapporti con il Governo indetto ieri dall’Anci comunicato dal presidente dell’Anci Piero Fassino (Pd), ha ricevuto l’appoggio anche del segretario del Pd (e sindaco di Firenze) Matteo Renzi e del presidente del partito, Gianni Cuperlo. Nel giro di pochissime ore il premier Letta si è trovato messo alle spalle al muro non solo dai sindaci di tutti i colori politici d’Italia, ma da parte del suo stesso partito. Già ieri sera si è registrata l’apertura del premier che si è impegnato per un decreto “anti-tagli” ai Comuni. Oggi in effetti il Governo è già all’opera. Il ministero dell’Economia e Palazzo Chigi si stanno sentendo di continuo per recuperare 1,5 miliardi di euro che i comuni perderebbero a causa del taglio dell’Imu e per valutare se ritirare l’altro emendamento criticatissimo, quello che ha penalizzato i Comune “anti slot machine”: alcuni comuni hanno deciso di porre dei limiti alla diffusione dei video poker e delle slot, o proibirile in alcune ore. Ma un emendamento presentato ieri dalla senatrice Federica Chiavaroli di Ncd mette a carico dei comuni stessi il mancato gettito sui giochi in città. Si tratta della norma, fatta proproa dal Governo, che Matteo Renzi ha definito «una porcata».

DEL RIO: «CI IMPEGNIAMO». Stamattina il ministro per gli Affari regionali Graziano Del Rio (storico renziano nel Pd) ha promesso il decreto correttivo, aggiungendo che «Entro la fine dell’anno nel decreto rivedremo la flessibilità delle aliquote Tasi per le detrazioni alle famiglie, e saranno stanziate altre risorse, oltre ai 500 milioni già previsti nella legge di Stabilità, per arrivare complessivamente a 1,2-1,3 miliardi di euro».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana