Google+

Leadership mondiali in caduta, politici intercambiabili, disumanità in arrivo

settembre 10, 2017 Alessandro Giuli

I populisti apocalittici (Salvini e Di Maio) inseguono parole d’ordine care all’establishment; il populista integrato (Renzi) scivola dalla rottamazione alla manutenzione

luigi-di-maio-beppe-grillo-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – È lunedì mattina, giornata di chiusura del settimanale. Mentre scrivo l’editoriale mi domando se non dovremmo, da qui a giovedì (giorno d’uscita settimanale di Tempi), preoccuparci di scovare il più vicino rifugio antiatomico; sempre se ne esistano ancora, sempre se la Corea di Ciccio Kim e gli Stati Uniti di Ciccio Trump stiano facendo sul serio con le loro schermaglie di guerra nucleare, con le loro scazzottate all’idrogeno dalle conseguenze imprevedibili. Pensiero ozioso, dettato dalla confusione delle leadership mondiali.

Sono appena stato in televisione, sempre con il nostro caro giornaluzzo nel sottopancia, a disquisire sulla sopraggiunta normalizzazione ideologica inscenata da Matteo Salvini e Luigi Di Maio nell’ex santuario di Cernobbio, là dove un tempo c’era l’erba rorida dei poteri forti e oggi non resta che una città esangue svuotata di quattrini e idee guida. Il leader leghista e il capoclasse grillino indossavano il vestito buono della domenica paesana, espettorando parole in linea col dì di festa degli ultimi arrivati nella pancia del neo moderatismo: piano con la fuga dall’euro, diamo un’altra possibilità all’Europa, vogliamo un’Italia “smart nation” e così via lungo il sentiero oleoso del riposizionamento. Nulla di scandaloso, molto di proto-renziano, e dunque paleoberlusconiano, sin nel linguaggio americanomorfo. E proprio mentre Renzi – cattivo carattere ma furbizia inarrivabile – da tutt’altra latitudine si accaparrava la nuova narrazione della “forza tranquilla” di mitterrandiana memoria oggi resuscitata dal mite premier Gentiloni e dal romantico sbirro Minniti, fresco di conversione allo ius soli, pronubo naturalmente il presidente Mattarella. Strana inversione di ruoli: i populisti apocalittici (Salvini e Di Maio) inseguono parole d’ordine care all’establishment, senza molto convincerlo peraltro; il populista integrato (Renzi) scivola dalla rottamazione alla manutenzione. E intanto su di loro svetta l’occhio acuto del sovrano di Arcore, quel Silvio Berlusconi che si prepara a vendemmiare voti con Meloni e Salvini (dalla Sicilia in su) per poi ubriacarsi con i sopravvissuti del renzismo alla mensa del governissimo in allestimento per l’anno prossimo. Pensieri confusi, forse, ma meno oziosi di quanto possa apparire. E occhio al pragmatismo dei sovranisti: come si noterà leggendo l’intervista a Giancarlo Giorgetti pubblicata nelle pagine che seguono, Salvini non è intenzionato a disertare il tavolo negoziale per un possibile accordo di sistema post elettorale; e anche Meloni sarà al centro della partita al grido di “mai con Renzi ma poi chissà”.

chiesa-tempi-copertinaPer ultimo, ma non da ultimo, c’è il senso di una copertina che una volta ancora sfida la duttilità intellettuale del nostro lettore tradizionale. Et pour cause. La chiesa sul limitare dell’abisso non sarà forse la Chiesa in quanto tale, ma i suoi credenti in caduta libera verso il martirio planetario, l’estinzione, l’oblio o la psicanalisi, sono comunque i muti testimoni di un percorso che conduce alla «confusione nel caos invece della fusione nell’Unità principiale», tanto per rianimare una definizione del reazionario René Guénon (Il regno della quantità e i segni dei tempi, in Italia tradotto da Adelphi). Immaginare un mondo post-atomico, post-politico e post-religioso è un esercizio ascetico al quale abbiamo già dedicato qualche sparsa fatica, qui a Tempi. Ripetersi giova, fintantoché saranno alcuni uomini a farlo e non qualche forma d’intelligenza artificiale in loro vece. Perché presto faremo i conti con loro, le macchine pensanti e agenti, e con la spettacolare transizione dall’homo faber all’homo inutilis.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

A Milano settembre è il mese più bello. Anche per pedalare. Il 17 mattina l’hanno pensato in tanti, circa 1.800, schierati alla partenza della prima edizione della GF Milano. Dopo una notte di pioggia, infatti, lo sguardo poteva abbracciare verso nord il profilo innevato delle montagne, nella direzione che avrebbe preso la corsa. Due le […]

L'articolo GF Milano, in gara dalla città al cuore della Brianza proviene da RED Live.

Le righe, si sa, rubano la scena a qualsiasi altro indumento del guardaroba e non tutti se le possono permettere. Ciò che ha fatto Rapha con questa fantasia, protagonista della nuova collezione Cross, è stato scegliere un accostamento di tonalità elegante e, soprattutto, ispirato all’abbigliamento indossato da Jeremy Powers (Rapha-Focus Team) alla conquista del titolo di campione nazionale […]

L'articolo Rapha presenta la nuova collezione Cross proviene da RED Live.

F1 2017 è un generatore virtuale di adrenalina. Un racing game emozionante e coinvolgente, completamente personalizzabile in base alle proprie esigenze. Il nuovo gioco di Codemasters affina la buona ricetta del 2016 e (ri)propone un solidissimo “simcade”, ovvero un efficace ibrido tra simulazione impietosa e arcade permissivo, immediato e profondo. Il risultato? Senza controllo di trazione […]

L'articolo F1 2017 è pura adrenalina virtuale proviene da RED Live.

Con il nuovo Peugeot Belville, la Casa del Leone s’inserisce in uno dei mercati più floridi in assoluto: quello degli scooter piccoli a ruota alta. È disponibile in due cilindrate (125 e 200) con prezzi a partire da 2.950 euro

L'articolo Prova Peugeot Belville proviene da RED Live.

Che Kia sia un’azienda coreana Doc è assodato ma è altresì vero che il suo quartier generale europeo si trova ad appena 500 metri dall’entrata del Salone di Francoforte. E’ quindi normale che Kia viva la kermesse tedesca in modo speciale, come la fiera di casa, quella in cui sfruttare il fattore campo favorevole per […]

L'articolo Kia Proceed Concept: il futuro passa da qui proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana