Google+

Le vite di Dare e Abaaoud, che hanno lasciato l’Occidente per combattere con l’Isis in Siria

agosto 24, 2014 Benedetta Frigerio

Khadijah Dare, la 22enne che desidera decapitare un «terrorista britannico o americano» e Younes Abaaoud, il 13enne fotografato mentre imbraccia un’arma

Khadijah DareSecondo le stime dell’intelligence americana sarebbero 2000 gli europei partiti per ingrossare le fila dei jihadisti siriani, di cui circa 400 sono inglesi e 250 belgi. Sono i militanti islamisti cresciuti in occidente, oggi votati alla causa del Califfato.
Fra questi c’è Khadijah Dare (uno pseudonimo), la 22enne nata nel quartiere londinese di Lewisham, che alla notizia della decapitazione del giornalista americano, James Foley, ha scritto sul suo account twitter che desiderava essere la prima donna a decapitare un «terrorista britannico o americano», chiedendo alla rete di inviarle tutti i video dell’esecuzione. Insieme alla sua storia è emersa sui quotidiani inglesi anche la vicenda del giovane belga, Younes Abaaoud, di 13 anni, «partito per essere addestrato alla guerra dai miliziani dell’Isis in Siria».

«ERA DOLCE E CARINA». Il belga Abaaoud è diventato noto per essere il più piccolo combattente dell’Isis, emigrato per raggiungere il fratello 27enne, Abdelhamid, già in Siria. I due sarebbero i figli di un negoziante di nome Omar, immigrato in Europa 40 anni fa. Del piccolo sono comparse in rete alcune immagini in cui imbracciava diverse armi da guerra.
Della giovane Dare, invece, si presumo oggi essere in Siria e si sa ciò che un suo conoscente ha spiegato al giornale londinese Evening Standard, raccontando di una ragazza non musulmana «molto affettuosa e dolce», che «era un po’ un maschiaccio, ma a volte in occasione dei matrimoni la vedevo indossare jeans stretti e zeppe. Aveva anche l’apparecchio e le fossette ed era molto carina». Quando era piccola amava guardare il calcio, mangiare cibo cinese o quello cucinato in casa dalla madre. Al college la ragazza aveva seguito corsi nell’ambito della comunicazione, della regia, della psicologia e della sociologia. Ma poi, all’età di 18 anni, dopo averli conosciuti probabilmente in rete, aveva cominciato a frequentare i membri del Lewisham Islamic centre, legato al leader radicale Abu Hamza e guidato dai responsabili dell’omicidio del soldato Lee Rigby. L’anno scorso Dare, intervistata da Channel 4, raccontò di quando cominciò a portare il burqa provocando la reazione di alcuni concittadini che le dicevano di tornare nel suo paese: «Sono nata dietro l’angolo», rispondeva loro la ragazza. Dopodiché si fidanzò con Abu Bark, musulmano jihadista svedese legato all’Isis, e nel 2012 partì per la Siria dove sposò il combattente.

«NON SIATE EGOISTI». Dare divenne nota dopo la pubblicazione della foto postata su twitter che ritraeva suo figlio Isa con un fucile Ak-47 fra le mani e di alcune immagini di cadaveri di uomini uccisi dai terroristi islamici con cui incitava i musulmani in Occidente a emigrare in Siria e a «smettere di essere egoisti… e focalizzarvi sulle vostre famiglie o sugli studi». Il suo ultimo post dopo la decapitazione di Foley recita così: «Il Regno Unito deve tremare».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Gibril scrive:

    Perchè vi ostinate a chiamre EURPOEI questi infiltrari che , pur avendo vissuto, studiato, lavorato, conosciuto la libertà d’espressione e i diritti che la società occidentale gli dava , hanno continuato a vivere ed a pensare come se fossero nel più tetro medioevo islamica, comportandosi da parasswiti e vivendo sulle provvidenze dello Stato in cui s’erano colocati legalmente o meno? NON SONO EUROPEI ma INVASORI ed è l’ora che anche il Clero, specie quello Alto che non vive o fa finta di non conoscere la realtà in cui viviamo noi a contatto con questi infiltrati che io reputo siano una ‘quinta colonna’ , si renda conto che dando loro luoghi dove riunirsi , protestando perchè ‘hanno diritto di pregare’ quando vediamo che nelle loro mochee (MAJID e significa luogo di riunuione vi dicono sermoni in ARABO per qalsiasi etnia, invece che in Italiano e che come ultimnmente rilevato incitano all’ODIO, stanno allevandosi la serpe in seno? Basta col buonismo catto comunista o caritas_ santegidiano_astalliano. Se non ci fosse stato per LEPANTO e per lASSEDIO DI VIENNA la forza di Papi e di santi Sacerdoti che incitavano a difendere la Fede e la nostra civiltà , a quest’ora saremmo tutti, appena scesi dall’asino o dal cammello e dopo essersi lavati per le abluzoni rituali, con l’acqua del pozzo della piazza, in ghellabia a prosternarci verso la Mecca assieme alle nostre tre mogli legali e alle nostre concubine in burka in una mosche a di mattoni crudi e con lampade fumose per illuminarla!

  2. beppe scrive:

    ma abbiamo già superato un punto di non ritorno? se non abbiamo la forza di espellere nemmeno i clandestini e i condannati per reati, cosa credete possa succedere di peggio? verremo lentamente soffocati. hanno l’atteggiamento di chi sa che il tempo e la nostra ignavia e le nostre divisioni interne sono a loro favore. io prima di prendermela con un islamico, le darei di santa ragione a qualche cattocomunista tafazziano.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana