Google+

Le manovre del Biscione e il decollo (difficile) di T3

marzo 24, 1999 Manes Enzo

ComMedia

Mediaset 1 Alcuni anni fa il giovanissimo Giorgio Gori sostituiva alla direzione dei palinsesti Fininvest Roberto Giovalli. Si trattò di un giro di poltrone che i più definivano fittizio. Allora, infatti, i particolari come le strategie televisive del Gruppo venivano definite da Silvio Berlusconi in persona, ad Arcore, nel tradizionale summit del venerdì. Così, ed è storia di questi giorni, Giorgio Gori è tornato ad occupare la stessa carica, ma sopra di lui anziché Silvio c’è Piersilvio…

Mediaset 2 Roberto Giovalli, nuovo direttore di Italia 1, si può considerare un fedelissimo berlusconiano, legato al cavaliere da una sorta di rapporto edipico. Ora torna ad occuparsi di televisione – dopo un girovagare intorno al mondo condito da una lunga aneddottica – magari un tantino arrugginito, di sicuro con la benedizione di Giorgio Gori, amico della prima ora. Gori, sulla carta, sta più a sinistra. Però Giovalli con i suoi viaggi si è costruito una certa aria new-age. Che in certi ambienti spaghetti-kennedy funziona da morire.

Mediaset 3 Mentre Maurizio Costanzo stabilisce il record dei peggiori ascolti di Canale 5 dell’ultimo quinquennio, il nuovo incarico a Giorgio Gori, non lo ha certo fatto impazzire di gioia. Gori, stazza a parte, è un nome che pesa. Ma è anche un fine tessitore e quindi è perfettamente cosciente dell’inopportunità di turbare l’amor proprio di Costanzo che, non va dimenticato, rimane l’uomo di “governo” per eccellenza all’interno di Mediaset. Ritenuto, questo sì, un incarico fondamentale.

T3: la rabbia dei regionali La partenza di T3, salutato come il debutto del primo telegiornale della terza rete Rai post era Kabul (il rischio di un kabulismo di ritorno con la direzione di un ex sinistro diccì quale è Ennio Chiodi, è tutt’altro che scongiurato) ha generato un po’ di malumore in alcune sedi regionali. Il motivo? Lo scarso investimento pubblicitario prodotto dall’azienda per porre nel dovuto risalto un notevole sforzo editoriale ed organizzativo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.

C’è un dato curioso che riguarda la popolazione italiana a due e quattro zampe. Sembra che negli ultimi cinque anni, il numero di bipedi che si accompagna a un quadrupede sia cresciuta del 15%… Se da un punto di vista socio-psicologico, questo dato fotografa una voglia di affetto (spesso anche la scelta di darne e […]

L'articolo Prova Nissan X-Trail Trainer: “Hulk approved” proviene da RED Live.

Attesa per novembre, cresce non solo nelle dimensioni ma anche nella tecnologia. Per il momento non sono previste motorizzazioni ibride

L'articolo Nuova BMW X5, la SUV secondo Monaco proviene da RED Live.