Google+

Le armi chimiche siriane transiteranno da Gioia Tauro

gennaio 16, 2014 Chiara Rizzo

L’annuncio, che sarà ufficializzato oggi davanti al Parlamento, è stato dato dal capo dell’Opac Uzumcu: si tratta delle armi destinate alla distruzione che saranno trasportate da due cargo danese e norvegese

Le armi chimiche siriane destinate alla distruzione transiteranno dal porto italiano di Gioia Tauro: la notizia sarà data ufficialmente in Parlamento nell’audizione del capo dell’Opac (l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche) Ahmet Uzumcu davanti alle commissioni riunite Esteri e Difesa della Camera e del Senato. È stato intanto Uzumcu, diplomatico di origine turca, a parlare del transito di 500 tonnellate di sostanze chimiche letali «tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio» da Gioia Tauro «in non più di 48 ore». Uzumcu ha anche assicurato che «è stata presa ogni misura possibile per un trasferimento sicuro: i rischi sono molto evidenti e abbiamo preso tutte le misure per ridurli al minimo».

IL SINDACO: «NOI DICIAMO NO». Intanto però il sindaco di San Ferdinando (comune sotto cui ricade il 75 per cento del porto) ha annunciato: «Stiamo valutando di emettere un’ordinanza per chiudere il porto». È stato un piano congiunto dell’Onu e dell’Opac ad individuare un approdo italiano per il trasferimento dei container con le sostanze chimiche dai cargo danese e norvegese (che le dovranno prelevare dal principale porto siriano di Latakia) alla nave americana Cape Ray, che neutralizzerà le sostanze in alto mare. I dettagli di questo piano dovranno essere illustrate oggi da Uzumcu insieme ai ministri italiani degli Esteri, Emma Bonino, e dei Trasporti, Maurizio Lupi.

DISTRUZIONE PER LA FINE DI GIUGNO. Da quanto si apprende da Uzumcu sul piano di distruzione delle armi chimiche, le operazioni sono state rallentate: inizialmente si prevedeva di concluderle entro marzo, ma adesso appare chiaro che la maggiorparte dell’arsenale siriano non sarà distrutta prima della fine di giugno. La guerra civile che infuria in Siria, insieme al maltempo, ha reso impossibile la distruzione entro marzo delle sostanze chimiche “primarie” (iprite, sarin e gas nervino VX). Uzumcu ha spiegato che sono in corso negoziati per «tregue temporanee» per dar mdo di procedere alle operazioni di distruzione, e ha reso noto che a Latakia sono intanto arrivate solo 16 delle 560 tonnellate di armi chimiche primarie attese. La Siria ha un magazzino in cui ha dichiarato 1290 tonnellate di armi, sostanze e precursori. Ieri, 15 gennaio, il regime siriano ha denunciato l’attacco a due siti di stoccaggio di queste armi e Uzumcu oggi ha detto che «Sarebbe preoccupante che ci fosse tentativi di accaparrarsi di quei prodotti chimici: non credo sia nell’interesse di nessuno».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Mappo scrive:

    Capisco che a nessuno faccia piacere trovarsi nelle acque prospicienti il proprio paese una nave carica di armi chimiche, ma allora smettiamo di fare le marce per la pace e per il disarmo. Se una volta tanto ci viene chiesto di dare un breve e limitato contributo al disarmo io penso che si dovrebbe dire di sì senza urlare subito di no. Capisco pure il sindaco che teme di perdere voti se dovesse mostrarsi favorevole, ma come detto se nessuno fa un primo passo niente cambierà.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana