Google+

Le armi che uccidono in Siria parlano lingue balcaniche

marzo 21, 2017 Rodolfo Casadei

Dall’Europa centrale e dai Balcani 1,34 miliardi di dollari di armi a quattro paesi musulmani (per due terzi all’Arabia Saudita) che le hanno girate ai ribelli siriani.

our-last-stand-iraq-siria-isis4

Centinaia di migliaia di morti e di feriti, distruzioni immani, ondate bibliche di profughi in tutto il Medio Oriente e in Europa, nessun vincitore sul terreno, stallo dei negoziati per la pace: sei anni di guerra civile in Siria sembrano non avere portato vantaggi a nessuno, solo danni e perdite catastrofiche. In realtà uno sguardo disincantato sulla tragedia individua il profilo di cinici vincitori: i produttori e i mercanti di armamenti. Ma ad essersi avvantaggiati economicamente della carneficina non sembrano essere stati (almeno in base ai dati e alle inchieste fino ad ora disponibili) i paesi che capeggiano la classifica internazionale dei fornitori di armamenti (Usa, Russia, Germania, Francia, Regno Unito e Cina), bensì gli outsider balcanici. Fra essi risalta la Croazia, che secondo una recente inchiesta del Birn (il Network di giornalismo investigativo balcanico) ha venduto armi per 87,5 milioni di dollari all’Arabia Saudita nel solo 2016.

Dal regno wahabita i container hanno preso la via della Siria, secondo un collaudato schema triangolare che stavolta non ha per destinazione il governo di uno stato canaglia, ma le forze ribelli, in questo caso quelle che da duemila giorni combattono il regime di Damasco e i suoi alleati. Riyadh avrebbe dovuto garantire che i carichi letali arrivassero soltanto nelle mani di gruppi combattenti vistati e approvati dall’Unione Europea e dagli Stati Uniti, ma così non è mai stato: sin dall’inizio le armi sono finite nelle mani di Jabhat al Nusra (oggi Fatah al Sham, consociata siriana di Al Qaeda), di milizie salafite gradite ai sauditi e infine in quelle dell’Isis. A causa di compravendite fra i vari gruppi, passaggi di comandanti e combattenti dai gruppi affiliati al Libero esercito siriano a quelli islamisti radicali, o come esito di lotte fra le varie fazioni, di razzie, ecc.

Il profitto per le casse dello stato croato è considerevolissimo per una fondamentale ragione: non si tratta di armi di recente produzione, ma di “fondi di magazzino” delle guerre balcaniche degli anni Novanta del XX secolo. La prova? Il tipo di armi individuate dalle inchieste giornalistiche: si tratterebbe in gran parte di proiettili per armi leggere, bombe da mortaio, razzi, lanciagranate e lanciarazzi, tutte cose che l’industria militare croata ha smesso di produrre da tempo o non produce più in grande quantità. Documenti del ministero della Difesa croato mostrano che negli anni 2013 e 2014 la Croazia si è liberata grazie alle esportazioni di 5 mila tonnellate di armi delle 18 mila depositate nei suoi arsenali. Non è difficile immaginare che il boom del 2016 abbia la stessa origine: nel giro di nove mesi Zagabria ha venduto a Riyadh più armi che nei quattro anni precedenti sommati insieme. Non è difficile immaginare le ragioni dell’accelerazione degli acquisti da parte dei sauditi: a partire dal settembre 2015 forze armate russe avevano fatto la loro apparizione sul teatro bellico siriano, il livello dello scontro doveva essere alzato per evitare la prevedibile sconfitta dei ribelli.

L’andamento delle esportazioni di armi croate verso paesi del Medio Oriente è assolutamente peculiare. Fino al 2012 l’export dalla Croazia alla Giordania è pari a zero, poi improvvisamente segna 6,5 milioni di dollari in quell’anno e si impenna a 39,7 milioni l’anno successivo. Esce però allora un’inchiesta giornalistica del New York Times che svela come quelle armi siano in realtà pagate con fondi dell’Arabia Saudita e trasportate in Giordania con la supervisione della Cia, per farle avere ai ribelli siriani di là della frontiera. Probabilmente Amman non gradisce la pubblicità, perché l’anno dopo l’import militare giordano dalla Croazia torna ad essere zero. Sbuca invece dal nulla il mercato saudita: nel 2014 il reame wahabita risulta aver importato 37,2 milioni di dollari di munizioni semplici e di artiglieria e 3,3 milioni di dollari di lanciarazzi e lanciagranate dalla Croazia. Il 2015 sarà anno di bonaccia, poi nel 2016 il boom detto all’inizio. In tutto, in tre anni l’Arabia Saudita ha importato dalla Croazia 124 milioni di dollari di armamenti, per oltre il 90 per cento munizioni di artiglieria e per armi leggere.

La Croazia non è stata fino ad oggi l’unica beneficiaria di vendite di armi triangolate ai ribelli siriani, e probabilmente nemmeno la numero uno: secondo un’inchiesta della Birn dello scorso anno, dall’inizio del 2012 alla metà del 2016 otto paesi dell’Europa centrale e balcanica (Bosnia Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Montenegro, Repubblica Ceca, Romania, Serbia e Slovacchia) hanno esportato armi e munizioni per un valore di 1,34 miliardi di dollari in quattro paesi noti per essere sostenitori dei ribelli siriani. Si tratta di Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Giordania e Turchia. La parte del leone in questi contratti l’ha fatta l’Arabia Saudita, destinataria di 829 milioni di dollari di armamenti. Anche il piccolo Montenegro è entrato nella lista dei fornitori degli arsenali sauditi: fra l’agosto 2015 e il maggio 2016 ha consegnato 32 tonnellate di armi anticarro e 250 tonnellate di munizioni, inclusi proiettili per mortaio e per contraerea, per un valore pari a 2,7 milioni di euro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

In mezzo a tante amenità con gli occhi a mandorla, al Salone di Shanghai si possono ammirare anche alcune autentiche perle. Tra queste merita una menzione speciale l’Aston Martin Vantage S Great Britain Edition, una serie speciale tirata in soli cinque esemplari destinati proprio al mercato cinese. Ciascuno sarà venduto a 236.000 sterline, pari a […]

L'articolo Aston Martin Vantage S Great Britain Edition proviene da RED Live.

Fra dieci anni la Formula 1 sarà così. Autonoma? Elettrica? Impersonale? Nulla di tutto questo. Le monoposto di domani (ri)metteranno l’uomo al centro della scena. Ponendogli sotto il sedere quasi 1.400 cv. Parola di Renault che, con la concept R.S. 2027 Vision, svela l’orizzonte della massima serie dell’automobilismo sportivo. Abitacolo chiuso e casco trasparente Svelata […]

L'articolo Renault R.S. 2027 Vision: la Formula 1 del futuro proviene da RED Live.

Metti una mattina uggiosa, lo sguardo un po’ assonato che si posa sul nuovo Honda X-ADV parcheggiato in cortile e i contorni delle immagini che lentamente sfumano. Ecco che all’improvviso l’asfalto urbano muta in sterrato, lo skyline cittadino cede il posto alla vegetazione rigogliosa e alle spiagge dorate della Sardegna, mentre il completo elegante si trasforma in quello da […]

L'articolo Honda X-ADV, tra città e sterrato con Mariano Di Vaio proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana