Google+

Lavoratori dei fast food americani in sciopero. La guerra dei poveri

agosto 30, 2013 Chiara Rizzo

Li chiamano “Mc Job”, e sono lavori a salario basso, senza alcune prospettive di crescita. Garantiscono i pasti per i ceti più bassi della popolazione, che si cibano abitualmente nella catene di fast food, per i “1 dollar menu”

New York, Chicago, Detroit e altre metropoli americane sono al momento senza fast food. I lavoratori dipendenti delle grandi catene di hamburger e patatine sono in sciopero. Non si sa per quanto e, in che modalità, continueranno a incrociare le braccia.

7 DOLLARI L’ORA. Li chiamano “Mc Jobs”, lavori a salario basso, prospettive di crescita limitate, e una volta erano l’impiego temporaneo perfetto per gli studenti universitari che volevano arrotondare. Con la crisi, molti licenziati da altre aziende hanno visto nei mc jobs una manna, ma ora la paga non basta più, tant’è che vengono anche definiti “i nuovi poveri”, con un salario annuo al di sotto dei 10 mila dollari. I dipendenti chiedono ora di passare dalla paga minima federale di 7,25 dollari l’ora a 15 dollari.
Dall’entità degli scioperi si capisce che andranno avanti fino a che non avranno una risposta dalla Casa Bianca. Barack Obama un po’ di tempo fa aveva proposto che il salario fosse alzato fino ai 9 dollari minimi l’ora, poi non se n’è più fatto nulla, e ora i dipendenti chiedono risposte certe.
Terrance Wise, 34 anni, padre di tre figli, due lavori al Burger King e al Pizza Hut a Kansas City, ha detto al Guardian che in quest’ultimo sciopero hanno preso parte il doppio delle persone degli scioperi di luglio. “Non abbiamo voce”, ha detto Wise, pagato 9,25 dollari all’ora al Burger King e 7,40 dollari al Pizza Hut.

CETI BASSI. Questi scioperi estivi non sono che il prolungamento di una serie di manifestazioni già iniziate lo scorso inverno, solo che stanno aderendo gli organizzatori dicono che non si fermeranno e che nei prossimi giorni saranno in atto in ben 50 città. Gli americani potranno sopravvivere qualche giorno senza fast food? La maggior parte sì, i poveri invece meno. I ceti più bassi infatti si riforniscono alle grandi catene quasi tutti i giorni, perché queste offrono i “1 dollar menu”, hamburger e bibita a solo un dollaro. Contando che aderiscono agli scioperi i Mac Donald’s, i Wendy’s, i Kentucky Fried Chicken e molti altri, viene da chiedersi che ne sarà della fame dei poveri degli Usa in questi giorni.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana