Google+

«L’austerity? L’hanno voluta i governi per evitare scelte politicamente più costose»

aprile 19, 2013 Redazione

Intervistato oggi dalla Stampa, Lorenzo Bini Smaghi (ex Bce) spiega che gli Stati europei hanno scelto una via di comodo per evitare di fare quel che davvero serve: le riforme

L’eccesso di austerità non è altro che una scelta, di comodo, dei governi. E che, oltretutto, non serve a nulla. Già, perché quello che l’Italia ha più di tutto bisogno in questo momento sono le riforme strutturali, che ancora tardano a venire. A parlare di austerità e crescita è Lorenzo Bini Smaghi, economista e già membro del Comitato esecutivo della Banca centrale europea, in un’intervista oggi a La Stampa. E non è l’unico: anche Leonardo Becchetti, docente di economia politica all’Università Tor Vergata di Roma, nell’editoriale in prima pagina di Avvenire scrive, senza mezzi termini, che «il rigorismo è controproducente».

AUSTERITA’. «L’austerità come oggi la viviamo in Europa è una scelta compiuta dai governi per evitare scelte politicamente più costose, quelle di fare profonde riforme capaci di rendere più competitive le economie», ha detto Bini Smaghi. Ma come, non era stata proprio la Bce a chiedere, nei dieci punti della famosa lettera all’Italia, più rigore? «Se guardiamo la lettera che la Bce scrisse al governo italiano nell’agosto 2011 – risponde Bini Smaghi – le riforme strutturali stanno al primo posto». La stretta di bilancio, invece, «viene dopo; però in sostanza è stata realizzata solo quella».

UMORE DEI MERCATI. E il campanello d’allarme suonato a lungo da uno spread impazzito e alle stelle? Secondo Bini Smaghi, «la fiducia dei mercati la si sarebbe potuta riconquistare anche con meno tasse e con più riforme». Quali? «Liberalizzazioni, mercato del lavoro, amministrazione pubblica, giustizia». Che sono state evitate perché, «in un primo momento, sono ancora più impopolari delle tasse».

CHIUSI. I nodi strutturali dell’Italia, invece, sono sempre quelli: «La bassa crescita e un eccesso di spesa pubblica: finché non li si affronta con decisione l’umore dei mercati può sempre cambiare». Mentre «non serve a nulla chiedere all’Europa d i risolvere problemi che derivano dall’incapacità dei sistemi politici nazionali di modernizzare le economie». L’Italia, infatti, «si è chiusa economicamente e culturalmente al resto del mondo». È una tendenza da «invertire».

CALCOLI. A confermare, inoltre, che il rigore non è «di per sé espansivo» e che non è affatto vero che «i sacrifici automaticamente fanno ripartire la crescita» è uno studio americano di Herdon, Ash e Pollin. Lo ha ricordato Becchetti sull’Avvenire: la loro ricerca, dati alla mano, «confuta radicalmente i risultati di due guru del rigore come Reihnard e Rogoff». Come? Semplice: «Le conclusioni di Reihnard e Rogoff dipendono da errori di imputazione sui fogli elettronici su cui sono stati condotti i calcoli».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. francesco taddei says:

    il governatore dovrebbe riformare strutturalmente bankitalia, visto che la sua nomina è stata imposta dall’interno e che non ha mai vigilato sull’operato di mps

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi