Google+

Laura ha preso 30 e lode (nemmeno quel proiettile ha fermato la sua voglia di vivere)

luglio 17, 2012 Francesco Amicone

Due anni fa, fu colpita “per errore” durante una sparatoria. Laura è ora tetraplegica e lotta per vivere. Qualche giorno fa, è tornata in università per dare il suo primo esame dopo quel tragico giorno.

Laura Salafia ha trentasei anni. Nel suo futuro c’è una laurea in Lingue, che è decisa a prendere, e un difficile percorso di riabilitazione. Sono passati due anni da quando fu ferita da un proiettile vagante vicino all’università di Catania. Un uomo che cercava vendetta e che ha sbagliato mira, colpendola. Da allora, quel proiettile, la vita a Laura gliel’ha complicata parecchio. Il criminale è stato condannato, il tribunale ha disposto il risarcimento, ma come nullatenente a Laura non è arrivato nulla. Non è stata colpita all’interno dell’università, non è una vittima della strada, non è vittima della mafia. I suoi genitori sono anziani e Laura avrà bisogno di cure a vita e di costosi apparecchi per vivere dignitosamente. Per aiutarla, nelle sue difficili condizioni, il suo avvocato ha lanciato una sottoscrizione: Conto corrente: IT 85F01030 16918 00000 1267 714, Salafia Laura presso Monte Paschi di Siena.

Per sedici mesi, Laura è curata presso il Montecatone Rehabilitation Institute di Imola. Le sue condizioni sono gravi, parlare è faticoso, la fisioterapia complessa. È in degenza prima in rianimazione, poi in terapia intensiva. Il problema è la respirazione. Deve essere assistita da un ventilatore 24 ore su 24. Quando è in grado di respirare autonomamente, i medici la spronano a non usare il ventilatore, ma è difficile. Ci riesce. Per gli altri pazienti dell’ospedale diventa un punto di riferimento. Laura è forte: «In tutti i mesi che è stata qui in terapia intensiva», dice Angelo Dall’Ara, del Club L’inguaribile voglia di vivere, «ci ha mostrato un coraggio di affrontare le cose incredibile».

A dicembre del 2011, è tornata a Catania, con un volo pagato dalla Regione Sicilia, dove è stata assistita come primo paziente dall’unità spinale dell’ospedale cittadino. Di nuovo in Sicilia, per tornare nella sua terra e per proseguire con gli studi. Tuttavia ha avuto una ricaduta: le sue corde vocali si sono paralizzate temporaneamente ed è tornata all’uso pieno del ventilatore. La volontà e il coraggio non le mancano e, da qualche giorno, è riuscita di nuovo a fare a meno della respirazione assistita. Con l’università ha ripreso alla grande: settimana scorsa ha passato un esame con 30 e lode in Storia e critica del Cinema e si sta preparando per darne altri a settembre.

La sua giornata è scandita dalla fisioterapia. Dopo colazione e doccia, si parte con la terapia respiratoria, poi quella motoria, il pranzo, e ancora terapia motoria. Poi due ore di riposo, lo studio e le visite. Per ora, riesce a muoversi soltanto dal collo in su. Ha un joystick per comandare la carrozzella che sfrutta i movimenti del mento e un apparecchio a infrarossi che le permette di utilizzare il computer. Eppure scrivere sul computer con questo sistema è lungo e difficile. Per questo il Club L’inguaribile voglia di vivere, che già le ha fornito un telecomando a funzione vocale per accendere stereo, condizionatore e televisione, doterà il suo computer di un programma di scrittura a funzione vocale. Per ora, Laura rimane in ospedale. Attende di andare a vivere nella casa senza barriere architettoniche disposta per lei dal Comune di Catania.

Dove ha trovato questa forza? Nella fede, nel suo ragazzo Antonio, nei genitori, negli amici, nei medici, e nella solidarietà «che fa crescere e dà tanta forza», come dice lei. «È come se migliaia di persone mi avessero preso per mano e mi avessero condotto fino a oggi, sostenendomi, infondendomi il coraggio necessario ad andare avanti». Tanti si sono mossi per sostenere Laura: i catanesi e le associazioni, che si sono unite per sostenerla economicamente e moralmente nel lungo percorso di riabilitazione. «Anche le istituzioni», dice Antonio Guarino, il suo ragazzo, a tempi.it,  «su cui inizialmente dubitavo». Laura, oggi, sa di essere diventata un simbolo: «Ci sono persone e ce ne saranno tante altre che hanno il diritto di ricevere quello che ho ricevuto io».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi