Google+

Laura ha preso 30 e lode (nemmeno quel proiettile ha fermato la sua voglia di vivere)

luglio 17, 2012 Francesco Amicone

Due anni fa, fu colpita “per errore” durante una sparatoria. Laura è ora tetraplegica e lotta per vivere. Qualche giorno fa, è tornata in università per dare il suo primo esame dopo quel tragico giorno.

Laura Salafia ha trentasei anni. Nel suo futuro c’è una laurea in Lingue, che è decisa a prendere, e un difficile percorso di riabilitazione. Sono passati due anni da quando fu ferita da un proiettile vagante vicino all’università di Catania. Un uomo che cercava vendetta e che ha sbagliato mira, colpendola. Da allora, quel proiettile, la vita a Laura gliel’ha complicata parecchio. Il criminale è stato condannato, il tribunale ha disposto il risarcimento, ma come nullatenente a Laura non è arrivato nulla. Non è stata colpita all’interno dell’università, non è una vittima della strada, non è vittima della mafia. I suoi genitori sono anziani e Laura avrà bisogno di cure a vita e di costosi apparecchi per vivere dignitosamente. Per aiutarla, nelle sue difficili condizioni, il suo avvocato ha lanciato una sottoscrizione: Conto corrente: IT 85F01030 16918 00000 1267 714, Salafia Laura presso Monte Paschi di Siena.

Per sedici mesi, Laura è curata presso il Montecatone Rehabilitation Institute di Imola. Le sue condizioni sono gravi, parlare è faticoso, la fisioterapia complessa. È in degenza prima in rianimazione, poi in terapia intensiva. Il problema è la respirazione. Deve essere assistita da un ventilatore 24 ore su 24. Quando è in grado di respirare autonomamente, i medici la spronano a non usare il ventilatore, ma è difficile. Ci riesce. Per gli altri pazienti dell’ospedale diventa un punto di riferimento. Laura è forte: «In tutti i mesi che è stata qui in terapia intensiva», dice Angelo Dall’Ara, del Club L’inguaribile voglia di vivere, «ci ha mostrato un coraggio di affrontare le cose incredibile».

A dicembre del 2011, è tornata a Catania, con un volo pagato dalla Regione Sicilia, dove è stata assistita come primo paziente dall’unità spinale dell’ospedale cittadino. Di nuovo in Sicilia, per tornare nella sua terra e per proseguire con gli studi. Tuttavia ha avuto una ricaduta: le sue corde vocali si sono paralizzate temporaneamente ed è tornata all’uso pieno del ventilatore. La volontà e il coraggio non le mancano e, da qualche giorno, è riuscita di nuovo a fare a meno della respirazione assistita. Con l’università ha ripreso alla grande: settimana scorsa ha passato un esame con 30 e lode in Storia e critica del Cinema e si sta preparando per darne altri a settembre.

La sua giornata è scandita dalla fisioterapia. Dopo colazione e doccia, si parte con la terapia respiratoria, poi quella motoria, il pranzo, e ancora terapia motoria. Poi due ore di riposo, lo studio e le visite. Per ora, riesce a muoversi soltanto dal collo in su. Ha un joystick per comandare la carrozzella che sfrutta i movimenti del mento e un apparecchio a infrarossi che le permette di utilizzare il computer. Eppure scrivere sul computer con questo sistema è lungo e difficile. Per questo il Club L’inguaribile voglia di vivere, che già le ha fornito un telecomando a funzione vocale per accendere stereo, condizionatore e televisione, doterà il suo computer di un programma di scrittura a funzione vocale. Per ora, Laura rimane in ospedale. Attende di andare a vivere nella casa senza barriere architettoniche disposta per lei dal Comune di Catania.

Dove ha trovato questa forza? Nella fede, nel suo ragazzo Antonio, nei genitori, negli amici, nei medici, e nella solidarietà «che fa crescere e dà tanta forza», come dice lei. «È come se migliaia di persone mi avessero preso per mano e mi avessero condotto fino a oggi, sostenendomi, infondendomi il coraggio necessario ad andare avanti». Tanti si sono mossi per sostenere Laura: i catanesi e le associazioni, che si sono unite per sostenerla economicamente e moralmente nel lungo percorso di riabilitazione. «Anche le istituzioni», dice Antonio Guarino, il suo ragazzo, a tempi.it,  «su cui inizialmente dubitavo». Laura, oggi, sa di essere diventata un simbolo: «Ci sono persone e ce ne saranno tante altre che hanno il diritto di ricevere quello che ho ricevuto io».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana