Google+

L’amico americano

aprile 14, 1999 Scalpelli Sergio

L’ospite/Scalpelli

Carissimi amici, Dachau. È la parola evocata dalle immagini del treno dei deportati kosovari trasmesse in tutto il mondo. Ho letto l’editoriale di “linea” con cui Tempi si schiera contro l’intervento Nato.

Un po’ ho sofferto perché nemmeno quando ero comunista mi era capitato di firmare fogli pacifisti. Io sono sempre stato un realista, continuo a pensare infatti che l’uomo migliore della sinistra europea nel dopoguerra sia stato Helmut Schmidt, il cancelliere che volle i Pershing e i Cruise contro gli SS20 sovietici; l’uomo che veniva attaccato al grido “besser rot als todt – meglio rossi che morti”. Ma al di là delle battute e dei ricordi vorrei dirvi solo questo: penso che abbiate ragione, nel dubbio, a stare con Giovanni Paolo II, un gigante del secolo che volge al termine, penso però che, nel caso in questione, l’unico dubbio lecito sia tra i bombardamenti ed un intervento di terra per collocare la forza d’interposizione Nato dopo aver respinto le milizie serbe. Nessun intervento sarebbe equivalso a legittimare il massacro. L’ultima cosa. Io sono d’accordo con le funzioni di polizia internazionale che la Nato svolge. Dovrebbe svolgere semmai questo ruolo con maggiore prontezza e con una certa paradossale “equanimità” nella selezione dei luoghi critici. Finito il bipolarismo Usa-Urss si legittima il diritto d’ingerenza dell’Occidente liberale per tutelare il diritto ed i diritti umani laddove siano calpestati. Io questo penso, ma poiché avete posto con molto garbo il problema della guerra e della pace, e poiché Tempi è sempre più bello e il 99,9% della battaglie che fa sono sacrosante, io, a dimettermi da condirettore responsabile non ci penso proprio, magari me ne starò un po’ in sonno. Almeno fino a quando ritornerete ad essere quegli splendidi campioni di libertà che conosco.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.