Google+

«Sono un ladro. Ho picchiato e derubato i miei concittadini». Gogna nell’Ucraina ribelle

aprile 28, 2015 Leone Grotti

Peggiora la situazione in Ucraina, dove sono ripresi gli scontri tra l’esercito governativo e i ribelli. Gli accordi di Minsk sono un lontano ricordo

Un membro dei ribelli filorussi con il volto tumefatto giace in piedi, legato a un semaforo, con un cartello che gli pende dal collo e che recita: «Sono un ladro. Ho picchiato e derubato i miei concittadini». La foto realizzata dall’inviato dell’Associated Press, Mstyslav Chernov, non è stata scattata in Cina negli anni ’70 ai tempi della Rivoluzione culturale. Siamo a Krasnyi Partyzan, nella parte orientale dell’Ucraina in mano ai ribelli stessi.

«MISURE DRASTICHE». Qui la giustizia non è un affare per giudici e tribunali, anche se quella sommaria non è la normalità neanche tra i cosiddetti separatisti: «Abbiamo dovuto prendere queste misure drastiche perché ha assaltato un civile, ha rubato la sua auto e derubato i suoi parenti», dichiara il comandante dell’unità ribelle Alexander Nazarchenko. «Ha detto che aveva solo preso in prestito dei soldi, ma non è esattamente così che si chiedono prestiti».

MINSK NAUFRAGA? Il caos che domina nelle regioni di Donetsk e Luhansk rende più semplice l’abuso del potere e della giustizia da parte dei ribelli. Gli accordi di Minsk firmati a febbraio da Russia e Ucraina per un immediato cessate il fuoco, e un percorso concordato per arrivare alla pace, sembrano essere sull’orlo del fallimento. Solo nelle ultime 24 ore, nel Donbass è morto un soldato ucraino, altri 14 sono rimasti feriti. Secondo l’Osce, poi, continuano i combattimenti per la conquista di Mariupol e si teme che possa presto ricominciare la guerra tra Kiev e ribelli che ha già causato la morte di seimila persone e lo sfollamento di almeno due milioni.

«MANCANO I GIUDICI». Andrei Pasichnik, vicecomandante della polizia di Luhansk, condanna la giustizia sommaria e spiega: «Dobbiamo innanzitutto aprire dipartimenti di polizia nelle aree sotto il nostro controllo. Il problema è che ancora non abbiamo giudici». A Donetsk le cose vanno meglio, anche se i problemi non mancano: «Prima nella regione di Donetsk c’erano 55 corti locali, dove lavoravano 3.262 persone. Ora il numero di giudici è diminuito drasticamente di quattro volte».

MINI-STATI. Ecco perché in molte cittadine sono nate corti non ufficiali, che spesso fanno più danni che altro. È il caso delle aree controllate dalle milizie dei Cosacchi. «Non esiste una giustizia alternativa a quella dei tribunali», continua Pasichnik. «All’inizio i comandanti dei Cosacchi hanno collaborato con noi ma ora ci sono certi individui che vogliono creare dei mini-Stati autonomi sia da Kiev che da noi».

Foto Ansa/Ap

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Maurizio says:

    La riprova,purtroppo,di ciò che dicevo tempo fa(e che mi veniva contestato da taluni)che i nazionalisti estremisti ci furono e ci sono da entrambi le parti e la riprova,pure,che la Russia dopo aver sostenuto e foraggiato i cosiddetti ribelli,ne ha perso il controllo o,forse,subdolamente se ne vuol tirar fuori e lavarsene le mani,lasciando la patata bollente nelle mani dell’Ucraina….perché ora interessata ad altri scenari ben più ampi.Questo,in verità,vale per tutte le parti in gioco ,meglio i loro sponsor.E,intanto,si continua a combattere e morire…in Europa e tra cristiani nell’indifferenza generale!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi