Google+

«Sono un ladro. Ho picchiato e derubato i miei concittadini». Gogna nell’Ucraina ribelle

aprile 28, 2015 Leone Grotti

Peggiora la situazione in Ucraina, dove sono ripresi gli scontri tra l’esercito governativo e i ribelli. Gli accordi di Minsk sono un lontano ricordo

Un membro dei ribelli filorussi con il volto tumefatto giace in piedi, legato a un semaforo, con un cartello che gli pende dal collo e che recita: «Sono un ladro. Ho picchiato e derubato i miei concittadini». La foto realizzata dall’inviato dell’Associated Press, Mstyslav Chernov, non è stata scattata in Cina negli anni ’70 ai tempi della Rivoluzione culturale. Siamo a Krasnyi Partyzan, nella parte orientale dell’Ucraina in mano ai ribelli stessi.

«MISURE DRASTICHE». Qui la giustizia non è un affare per giudici e tribunali, anche se quella sommaria non è la normalità neanche tra i cosiddetti separatisti: «Abbiamo dovuto prendere queste misure drastiche perché ha assaltato un civile, ha rubato la sua auto e derubato i suoi parenti», dichiara il comandante dell’unità ribelle Alexander Nazarchenko. «Ha detto che aveva solo preso in prestito dei soldi, ma non è esattamente così che si chiedono prestiti».

MINSK NAUFRAGA? Il caos che domina nelle regioni di Donetsk e Luhansk rende più semplice l’abuso del potere e della giustizia da parte dei ribelli. Gli accordi di Minsk firmati a febbraio da Russia e Ucraina per un immediato cessate il fuoco, e un percorso concordato per arrivare alla pace, sembrano essere sull’orlo del fallimento. Solo nelle ultime 24 ore, nel Donbass è morto un soldato ucraino, altri 14 sono rimasti feriti. Secondo l’Osce, poi, continuano i combattimenti per la conquista di Mariupol e si teme che possa presto ricominciare la guerra tra Kiev e ribelli che ha già causato la morte di seimila persone e lo sfollamento di almeno due milioni.

«MANCANO I GIUDICI». Andrei Pasichnik, vicecomandante della polizia di Luhansk, condanna la giustizia sommaria e spiega: «Dobbiamo innanzitutto aprire dipartimenti di polizia nelle aree sotto il nostro controllo. Il problema è che ancora non abbiamo giudici». A Donetsk le cose vanno meglio, anche se i problemi non mancano: «Prima nella regione di Donetsk c’erano 55 corti locali, dove lavoravano 3.262 persone. Ora il numero di giudici è diminuito drasticamente di quattro volte».

MINI-STATI. Ecco perché in molte cittadine sono nate corti non ufficiali, che spesso fanno più danni che altro. È il caso delle aree controllate dalle milizie dei Cosacchi. «Non esiste una giustizia alternativa a quella dei tribunali», continua Pasichnik. «All’inizio i comandanti dei Cosacchi hanno collaborato con noi ma ora ci sono certi individui che vogliono creare dei mini-Stati autonomi sia da Kiev che da noi».

Foto Ansa/Ap

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Maurizio scrive:

    La riprova,purtroppo,di ciò che dicevo tempo fa(e che mi veniva contestato da taluni)che i nazionalisti estremisti ci furono e ci sono da entrambi le parti e la riprova,pure,che la Russia dopo aver sostenuto e foraggiato i cosiddetti ribelli,ne ha perso il controllo o,forse,subdolamente se ne vuol tirar fuori e lavarsene le mani,lasciando la patata bollente nelle mani dell’Ucraina….perché ora interessata ad altri scenari ben più ampi.Questo,in verità,vale per tutte le parti in gioco ,meglio i loro sponsor.E,intanto,si continua a combattere e morire…in Europa e tra cristiani nell’indifferenza generale!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana