Google+

L’accusa: «Scajola usava un conto alla Camera per aiutare la latitanza di Matacena»

maggio 12, 2014 Redazione

Sarebbero dovuti transitare dal conto i versamenti per “sbloccare” l’opportunità di trasferire l’ex deputato, condannato in via definitiva e latitante, da Dubai al Libano.

Avrebbero dovuto transitare attraverso il conto corrente della Camera, i versamenti perché Claudio Scajola favorisse la latitanza dell’ex deputato Pdl Amadeo Matecena, condannato in via definitiva per concorso esterno alla ‘ndrangheta. È quanto emergerebbe secondo gli inquirenti dalle intercettazioni a Scajola e alla moglie di Matacena, Chiara Rizzo, arrestata ieri all’aeroporto di Nizza al suo arrivo con un volo da Dubai, dove era stata latitante per 72 ore (e dove si trova il marito). Rizzo è tornata spontaneamente dagli Emirati arabi e sin dall’arresto ha spiegato che stava tornando a Reggio Calabria dove si sarebbe presentata alla magistratura. La donna ha aggiunto: «Sono in grado di chiarire tutto, è la sola cosa che voglio. Chiarirò tutto, anche le parole dette a Scajola e riportate dalle intercettazioni».

IL CONTO A MONTECITORIO. Il particolare sul conto corrente emergerebbe secondo gli investigatori della Dia in particolare in un’intercettazione telefonica del 5 febbraio scorso, a Scajola e Rizzo, che seguirebbe quella del dicembre 2013 in cui i due parlavano di “spostare” la latitanza di Matacena «a un posto più vicino», il Libano. Secondo la ricostruzione degli investigatori, nella conversazione di febbraio Scajola avrebbe avuto bisogno di denaro per sbloccare la situazione a Beirut e per questo Scajola si informa «se Amedeo ha un conto corrente presso la tesoreria della Camera», e la moglie risponde affermativamente «in quanto l’ultima volta ha pagato versando ad Amedeo là». Da giovedì, su mandato della procura di Reggio Calabria tutti i flussi finanziari di Matacena sono stati bloccati insieme a beni per un valore di 50 milioni di euro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana