Google+

L’abortista Gosnell condannato per omicidio. Ora rischia la pena di morte

maggio 14, 2013 Benedetta Frigerio

Il medico ha ucciso tre bambini, una donna e ha lasciato morire centinaia di neonati. La giuria dovrà confermare il verdetto. Una seconda corte dovrà scegliere fra l’ergastolo e la pena capitale.

È stato condannato per l’omicidio di tre bambini. Kermit Gosnell è poi ritenuto colpevole di centinaia di casi di infanticidio, di gestione di organizzazione corrotta, di omicidio colposo per la morte di Karnamaya Mongar, morta dopo un aborto fallito, e di 21 dei 24 aborti illegali (oltre il limite di 24 settimane, ndr) di cui era stato accusato. Infine, il medico è stato condannato per aver violato 16 volte la legge sul consenso informato. Ma il processo non è ancora concluso.

LA GIURIA. Il 21 maggio 12 giurati dovranno confermare la sentenza con un verdetto unanime. Ogni reato dovrà essere dimostrato da ciascuno di loro al di là di ogni ragionevole dubbio. In caso di condanna, una seconda giuria determinerà la pena: si ipotizza il triplo ergastolo, ma non è esclusa la pena di morte vigente nello Stato della Pennsylvania per l’omicidio di primo grado (il più grave nel sistema giuridico statunitense). Dato il numero di accuse si sta valutando se dare alla giuria più tempo del previsto per arrivare al verdetto finale.

COSA HA SMASCHERATO. Il caso Gosnell, inizialmente censurato dalla stampa, ha smascherato quello che la legge sull’aborto può facilmente permettere. Ma il dibattito è stato riaperto anche dal documentario di Lila Rose dal quale emerge chiaramente che i bambini sopravvissuti all’aborto vengono lasciati morire anche nelle cliniche più illustri del Paese.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Corradi says:

    Questo pezzo non ha senso. Forse l’articolista intendeva dire che Gosnell è stato incriminato?

    • Crippa says:

      Filadelfia, 13 mag. (Adnkronos) – E’ stato condannato per omicidio di primo grado Kermit Gosnell, il medico di Filadelfia che nella sua clinica particava aborti oltre i limiti fissati dalla legge. La sentenza e’ stata annunciata dalla giuria dopo poche ore di camera di consiglio, ora il giudice dovra’ stabilire se Gosnell sara’ condannato alla pena di morte o all’ergastolo. Corradi, Le basta come conferma?

  2. giuliano says:

    chissà se proverà sulla sua pelle quello che provano i feti quando si avvicina la forpice del macellaio per schiacciargli il cranio

  3. Q.B. says:

    Ergastolo

    On May 14, Dr. Kermit “agreed to waive all of his appellate rights in exchange for life in prison without the possibility of parole instead of the death penalty,” according to a statement from the office of Philadelphia District Attorney Seth Williams. After that, he was ”immediately sentenced,” according to CNN.

    Avrà il tempo di meditare e forse, se compierà un percorso interiore, a rimediare il male fatto. Con la testimonianza e la lotta a difesa della vita (chi più di un peccatore pentito può combattere il male). E comunque da Cristiani non dimentichiamo che il giudizio definitivo arriverà poi.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download