Google+

“La vita è un miracolo”, un film per ricordare l’assedio di Sarajevo

aprile 11, 2012 Marco Sisto

Il film di Emir Kusturica, presentato a Cannes nel 2004, fu etichettato dalla critica come flop. Ma i detrattori non avevano capito che nel regista era avvenuto un cambiamento: la sua conversione al cristianesimo l’aveva portato a raccontare la guerra nell’ex Jugoslavia meglio di chiunque altro, perché nelle immagini del film scorrevano leggere ironia e speranza.

Per quelli della generazione degli anni 90 che in questi giorni sentono parlare dell'”assedio di Sarajevo”, il film La vita è un miracolo di Emir Kusturica può essere utile per iniziare a conoscere qualcosa della guerra che vent’anni fa ha sconvolto le popolazioni dei territori della ex Jugoslavia. Come per certi quadri di Marc Chagall, per la pellicola di Kusturica il significato ultimo di un mondo sottosopra (squassato da bombardamenti, cecchini, carriarmati, stragi animalesche) non appartiene al regno della malvagità. Molti critici nel 2004, anno di produzione del film, scrissero che si trattava di un flop, di un lavoro che, benché fosse opera di un grande maestro, non era all’altezza dei capolavori acclamati a Cannes. In realtà i critici non capirono quello che era successo al grande regista. Gli era accaduto qualcosa che avrebbe cambiato per sempre non la sua maestria nel dirigere l’obiettivo (infatti nessuno ha osato scrivere che non si trattasse di un’opera d’arte), ma direttamente i suoi occhi. 

Nato in una famiglia islamica e vissuto nel multiculturalismo tipico di un’Europa alla ricerca di se stessa e di una Jugoslavia che rimpiangeva Tito, negli anni della guerra Kusturica maturò la conversione al cristianesimo. Nel 2005 il regista si battezza nella Chiesa ortodossa serba, ma già la sua pellicola del 2004 aveva segnato uno spartiacque dal precedente modo di vivere, di pensare, di guardare. Tant’è il Kusturica di La vita è un miracolo è sempre il grande cineasta di Il tempo dei gitani e di Underground ma, allo stesso tempo, non è più l’artista zingaro, geniale ma disperato, paragonabile al Picasso di Guernica. Con La vita è un miracolo Kusturica è diventato un altro. Un po’ come Chagall, è diventato ironico e, al tempo stesso, pieno di una speranza. Non a caso, sorprendentemente rimasto senza premi a Cannes, il film è stato diffuso in tutte le scuole della Serbia. I critici hanno considerato una caduta di stile il suo non eccessivo accanimento nei confronti dell’esercito di MIlosevic. Mentre hanno apprezzato il lato romantico, multiculturalista, pacifista del film (la storia d’amore del protagonista con la bellissima ragazza bosniaca e  musulmana). Nulla di più lontano dalle intenzioni del film.

Kusturica non si accanisce contro l’esercito serbo solo perché è convinto (a ragione) che non si possa essere unilaterali nell’attribuzione delle responsabilità del conflitto. Anzi, il modo in cui dipinge gli ufficiali dell’esercito e il modo in cui parla della “gestione” del rapimento del figlio del protagonista (soldato serbo rapito dai bosniaci) è eloquente: ci possono essere uomini che anche in guerra decidono di rimanere tali, ed altri che si immergono nell’istinto animale abbruttendosi e perdendo ogni senso di pietà. Kusturica, infine, si toglie anche un sassolino, facendo ruttare davanti alle telecamere della Cnn il figlio del protagonista che non sopporta la retorica della giornalista occidentale.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana