Google+

La veronicanizzazione di Melania Trump

giugno 3, 2017 Pietrangelo Buttafuoco

La first lady non stringe la mano al marito, Donald – il presidente degli Stati Uniti – e diventa la nuova Veronica Lario

melania-trump-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Tanto è carogna lui, quanto santa è lei. È la veronicanizzazione di Melania Trump. La first lady non stringe la mano al marito, Donald – il presidente degli Stati Uniti – e diventa la nuova Veronica Lario. L’ex signora Berlusconi, con una lettera a Repubblica contro il marito femminaro, diventa leader della sinistra, e con un fatti più in là al boss, Melania si ritrova veronicata.

E già nato un movimento di liberazione: salvate Melania. Lei non prende la mano a lui! È successo durante la visita in Saudia: giù le mani! È capitato anche a Roma: giù le mani! Tante altre volte, la stessa cosa, negli Stati Uniti. Sono segnali del corpo e dunque rivelatori: giù le mani!

E gli orfani di Hillary Clinton, i condolenti di Barack Obama e gli odiatori della femmina in quanto tale, adesso vanno in brodo di giuggiole. Dopo la fiaba della nonita all’Eliseo, ovvero Brigitte e il suo alunno, Emmanuel Macron, sognano la favola edificante della principessa strappata al drago.

Neppure la volevano vestire, Melania. Il mondo della moda, all’indomani dell’elezione di Trump, aveva tuonato all’unisono: “Nessuno dovrebbe vestirla”. Ma la bella Melania, velata e vestita di nero – come da protocollo vaticano – col suo broncio da ragazza dell’Est, triste per ritrovarsi accanto al parrucchino biondo, è festeggiata adesso al grido di “è dei nostri”.

A proposito dei nostri. Veronica Lario, ex moglie di Silvio Berlusconi, si gode adesso un sontuoso divorzio: uno virgola quattro milioni al mese. A forza di post-it di Repubblica, con la campagna contro il bunga-bunga, la Cassazione conferma la lauta ricompensa e così una compagna, dal Quarto Stato in marcia, trova il sol dell’avvenire.

Ecco, secondo voi, per essere dei nostri – e cioè dei loro – vale sempre la regola di Ennio Flaiano, vero? Non sono comunista, non me lo posso permettere. E senza perdersi tra lì o là. Lo capisce anche Giufà.

Testo tratto dalla rubrica “Olì Olà” in onda su La7 durante Faccia a faccia, domenica in prima serata

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download