Google+

La “Verità” è morta ed è tutta colpa di Trump (come no)

aprile 11, 2017 Pietro Piccinini

Sono passati parecchi anni dal 1966, e se la nostra metà del mondo ha potuto sperimentare ampiamente le conseguenze dell’ateismo globale non è stato certo solo a causa del Time. Però il Time è stato galantuomo

time

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – La perfetta parabola della post-verità ha finito di disegnarla il Time pochi giorni fa. “Is Truth Dead?”. La verità è morta? La domanda piazzata in copertina la settimana scorsa dal glorioso magazine americano non era solo un modo efficace di alimentare l’isteria da fake news che si è impadronita dell’Occidente da quando Donald Trump ha vinto le elezioni. Era pensata per riprendere una vecchia copertina del 1966 che fece scalpore in tutto il mondo, e infatti la ricalcava perfettamente anche dal punto di vista grafico. “Is God Dead?”. Dio è morto?, si chiedeva cinquant’anni fa il Time per sottolineare un lungo servizio che metteva in forte dubbio non solo la «credibilità» dell’Onnipotente nell’era della scienza e del razionalismo trionfante, ma perfino l’utilità di una sua eventuale presenza nell’universo.

Mezzo secolo dopo, ora che il problema di Dio sembra essere stato ampiamente superato, l’America, secondo il direttore Nancy Gibbs, dovrebbe porsi quello della «Verità» – scritta proprio così, con la V maiuscola – perché c’è un presidente che la minaccia spargendo bufale con «il suo smartphone». Impossibile non intravvedere nel collegamento tra la (presunta) morte di Dio e quella della verità una intuizione notevole. Tuttavia, da parte del Time, storico promotore non innocente della mentalità che avrebbe “ucciso” Dio, beh, il ragionamento suona come minimo beffardo. Per parafrasare un molto citato personaggio di Dostoevskij, se Dio è morto, allora io non son più capitano. Figurarsi se posso pretendere di dispensare qualche «Verità».

Sono passati parecchi anni dal 1966, e se la nostra metà del mondo ha potuto sperimentare ampiamente le conseguenze dell’ateismo globale non è stato certo solo a causa del Time. Però il Time è stato galantuomo. Un esempio? Marzo 2017: Dio è morto da cinquant’anni e il Time può finalmente informare i lettori che ormai siamo “Oltre lui o lei”. Il titolo di copertina, illustrato da una foto di un giovane di sesso indefinibile e di preferenze «nonconforming», era inteso a comunicare che «una nuova generazione sta ridefinendo il significato del genere». Nel servizio si presentava l’esistenza fra i giovani americani di qualche decina o centinaio di “gender” come un dato di fatto assolutamente acquisito e indubitabile (a proposito di «Verità»), e sebbene il significato di alcuni di essi sfuggisse perfino ai militanti Lgbtq intervistati dal Time, «hanno senso per loro, nella loro testa», funzionano per chi li professa. E quindi, che problema c’è?

Se funziona, metto un like
Poi, nello stesso fascicolo, a pagina 25, si affacciava un microboxino allarmatissimo: mioddìo, la maggioranza dei giovani americani si beve le fake news! «Una indagine di Common Sense Media ha rilevato che meno del 45 per cento degli americani di età compresa fra i 10 e i 18 anni dice di sapere individuare con precisione le fake news nei feed dei propri profili social, e quasi un terzo degli intervistati ammette di aver condiviso notizie non corrette prima di accorgersi che erano tali».

Era il numero del 27 marzo, in quello successivo la «Verità» sarebbe morta per mano di Trump, il presidente che twitta qualunque messaggio purché funzioni nella sua testa. Ovvio che siamo molto “oltre il vero o falso”. Ma in fondo che problema c’è?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana