Google+

La Ue chiarisce i dubbi sull’aspartame

dicembre 11, 2013 Elisabetta Longo

Per molto tempo sono circolate voci che il dolcificante non fosse sicuro per la salute. La Ue fuga ogni dubbio

Per molto tempo sono corse le voci che l’aspartame, il dolcificante sostituto dietetico dello zucchero, fosse nocivo per la salute. Ora l’Autorità Europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha decretato il contrario, fugando ogni dubbio. Non rappresenta un pericolo per la salute, lo si può consumare in assoluta sicurezza.

NO CANCRO. Sopratutto è stata esclusa dalla Efsa la possibilità più rischiosa che veniva enunciata, cioè il cancro: “L’aspartame e i suoi prodotti di degradazione sono sicuri per il consumo umano ai livelli di esposizione attuali. Escluso, a seguito di un approfondito esame delle prove fornite da studi condotti sugli animali e sull’uomo, il potenziale rischio collegato all’aspartame di causare danno ai geni e indurre il cancro”.

5 LITRI AL GIORNO. Allo stesso modo vengono dichiarate false le voci relative allo sviluppo di danni al cervello, ma viene dato un parere specifico poi riguardante le donne incinte: “Vi è assenza, per il feto in via di sviluppo, di rischi dovuti all’esposizione alla fenilalanina, derivata dall’aspartame, sulla base del consumo attuale, fatta eccezione per le donne affette da fenichetonuria. Quanto ai livelli di esposizione presi in esame dai scienziati, si riferiscono ad una dose giornaliera ammissibile di 40 mg/kg di peso corporeo che rappresenta l’equivalente di cinque litri di bevanda dolcificata all’aspartame bevuta ogni giorno per tutta la vita”. Ciò vorrebbe dire che solo qualora qualcuno bevesse 5 litri di bevanda dolcificata tutti i giorni correrebbe qualche rischio per la sua salute. Ma ciò è allo stesso tempo altamente improbabile.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana