Google+

La studentessa Maria Bonacina: Te Deum laudamus perché anche i prof hanno un’anima

gennaio 5, 2014 Maria Bonacina

L’insegnante di greco quando spiega trasuda passione. Come faccio a non stare attenta? Nel mio liceo è così, non ci sono marziani dietro la cattedra. Ma adulti che si spendono per me

Come da tradizione, anche nel 2013 l’ultimo numero del settimanale Tempi è interamente dedicato ai “Te Deum”, i ringraziamenti per l’anno appena trascorso firmati da diverse personalità del panorama sociale, culturale e civile italiano e non solo. Nella rivista che resterà in edicola per due settimane a partire dal 27 dicembre, troverete, tra gli altri, i contributi di Carlo CaffarraDomenico Dolce e Stefano GabbanaBen Weaseldon Gino RigoldiCostanza MirianoLuigi AmiconeMarina Corradi, Aldo Trento, Pippo Corigliano, Monica Mondo, Francesco BellettiAntonio SaladinoSamaan Daoud da Damasco, Claire Ly, Susanna Campus, Antonio BenvenutiFred PerriBerlicche..

Pubblichiamo qui il Te Deum di Maria Bonacina, studentessa liceale

tempi_te_deum_2013_copertinaSono consapevole che decidere di scrivere un personale Te Deum a soli sedici anni può risultare impresa ambiziosa e ardua, ma non mi cimenterei se non fossi anche certa che proprio alla mia età siano parecchi i motivi per ringraziare il Padre eterno per questo 2013 che sta vivendo i suoi ultimi giorni.

Scegliere un particolare ambito per il quale rivolgere un autentico “grazie” mi impone una seria ma serena riflessione, perché la realtà di un’adolescente offre molti spunti dettati proprio dalla bellezza di questa mia età. Apparirà quindi desueto per molti il fatto che una studentessa di liceo classico decida di ringraziare in modo particolare il buon Dio per la scuola, per la sua scuola e con essa per il nutrito gruppo di insegnanti che la compongono. So che molti ragazzi troverebbero di cattivo gusto ringraziare per qualcosa che troppo spesso avvertono come noioso e ostico.
La scuola, per tanti, è una prigione, un luogo che impone ritmi serrati, noiosi e incompatibili con le vicende di una vita spensierata; un ambito obbligatorio, monotono e talvolta asfissiante che si frequenta con la stessa felicità con cui si assumerebbe un’amara, ma indispensabile, medicina. Gli insegnati poi… assurde creature venute da un lontano pianeta che comunicano attraverso una lingua ancora più strana e incomprensibile.

Più o meno è così che i giovani coetanei vedono e vivono la realtà scolastica. Quindi, perché proprio io sento la necessità di ringraziare con un personalissimo Te Deum Laudamus per il dono della scuola? Semplice, a parer mio! Perché sono fermamente convinta che questa istituzione fondamentale valga molto di più di ciò che mostra, doni molto di più di ciò che immaginiamo; l’importante è saper guardare con occhio attento e vivace. Il mio liceo, come del resto molti altri, è un concentrato di ricchezza e bellezza, positività e passione.
Devo ammettere che anch’io sino a non molto tempo fa guardavo alla scuola con occhio vigile e sospettoso, poi ho compreso, vivendo più appassionatamente e intensamente le ore scolastiche, che anche gli insegnanti hanno un’anima e che non sono marziani sempre presi dalle loro formule o dai loro libri.

Non tutte le scuole sono un disastro
Il mio liceo è dedicato a Giacomo Leopardi ed è situato in un piacevole rione di Lecco; è un liceo paritario dove ho avuto la fortuna di incontrare molti adulti capaci di suscitare interesse e curiosità anche verso quelle materie che ritengo meno appetibili. Trovo affascinate osservare il mio insegnante di greco e latino che trasuda passione e interesse mentre spiega gli antichi autori del passato; come non poter stare attenta durante tali spiegazioni?
Ovvio, la fatica non viene tolta, ma sicuramente dimezzata dalla modalità intrigante che utilizza l’insegnante, e quell’incedere sicuro tra i meandri della storia antica segna anche il passo della mia attuale vita, ponendomi dinnanzi a un orizzonte e a un giudizio buono e positivo. Con questo sguardo, non importa se le lezioni sono pesanti, quello che realmente conta è ciò che la modalità utilizzata dagli insegnanti mi ha lasciato dentro al cuore. Questo per me è educare e imparare. E io ho la fortuna di viverlo ogni giorno.

Nel mio liceo non si ha solo la possibilità di apprendere notizie e nozioni fondamentali, non si imparano solo date storiche o formule matematiche, nel mio istituto si vive vita vera, ci si confronta, ci si arricchisce vicendevolmente con uno scambio di proposte concrete e interessanti, con gesti autentici di attenzione che colpiscono anche lo studente più passivo. Talvolta mi chiedo se gli insegnanti si rendano completamente conto di quale grande responsabilità hanno nei confronti di noi studenti… magari anche loro ogni tanto ci guardano come dei marziani zeppi di contraddizioni; lo so, noi siamo complicati e lunatici, volubili e talvolta reticenti, ma se mi fermo a guardare i miei professori o il preside in persona spendersi a dismisura per noi ragazzi, comprendo la motivazione che spinge questi adulti a dedicarsi a noi con passione.
Sapere che posso contare sempre su persone disponibili all’ascolto e al consiglio, rende più lieve la fatica e mi permette di “osare” un rapporto che va oltre il semplice insegnamento. Te Deum Laudamus.

Oggi si sente spessissimo parlare del disastro che regna sovrano sulla scuola, molto meno frequentemente si ode la voce di piccole/grandi realtà, come il mio caro liceo Leopardi, che comunque e nonostante le difficoltà dettate dalla crisi operano con slancio e passione; ecco una delle tante scuole italiane che funziona bene, che accompagna il percorso dei suoi studenti e che, anche se sempre in progressione per migliorarsi, lascia comunque un segno positivo a chi la frequenta.
Non serve altro per sentirmi libera di “volare in alto” e di poter dire con tutto il mio cuore il grande bene che voglio al mio liceo, perché non è necessario altro per provare questo sentimento.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. monica says:

    bellissimo!!

  2. Rosy says:

    Maria ogni tuo articolo mi fa riflettere ❤️

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.