Google+

La strana intervista del Corriere a Jordi Pujol

novembre 22, 2012 Redazione

Il Corriere della Sera intervista il leader catalano Jordi Pujol, ma nemmeno una domanda sul presunto scandalo dei conti svizzeri di cui è accusato già da quattro giorni.

Quattro giorni prima sulla stampa spagnola era scoppiato lo scandalo dei presunti fondi neri accumulati su conti svizzeri riconducibili a lui e ad altri vertici del partito catalano CiU, ma nell’ampia intervista che il Corriere della Sera gli ha dedicato il 20 novembre la questione dei conti all’estero non è sollevata in nessuna delle dieci domande che gli vengono rivolte. Jordi Pujol – storico leader autonomista catalano, per 23 anni di seguito governatore della Catalogna, accusato nei verbali di polizia resi noti dal quotidiano madrileno El Mundo di essere intestatario insieme alla moglie e a un figlio di depositi sospetti in Svizzera e Liechtenstein – ha rilasciato al Corriere un’intervista dove spiega perché, dopo una vita politica spesa a promuovere le ragioni dell’autonomia della Catalogna all’interno dello stato unitario spagnolo, si sia lasciato convertire anche lui ultimamente all’idea dell’indipendenza, anche se sulle modalità si mostra possibilista. Nemmeno un accenno, da parte dell’intervistatore, alle accuse che hanno dinamitato la campagna elettorale per il voto regionale catalano anticipato che si terrà domenica. Il verbale di polizia parlerebbe di depositi per 137 milioni di euro intestati a Jordi Pujol e alla moglie, al figlio che si chiama anche lui Jordi e all’attuale leader di CiU e governatore della Catalogna Artur Mas, e del sospetto che si tratti di tangenti versate da imprese industriali catalane. Pujol e Mas hanno annunciato querela contro i giornalisti di El Mundo che hanno diffuso la notizia, e altre iniziative politiche e legali. Ma lo strano atteggiamento del Corriere della Sera come si spiega?

Il testo dell’intervista, che presenta le domande e le risposte senza soluzione di continuità, appare interrotto esattamente a metà da un breve inciso inserito redazionalmente. «Domenica la Catalogna rinnova il suo parlamentino», si legge. «La scommessa di CiU prevede la vittoria alle urne per poi indire un referendum pro o contro l’indipendenza. Il clima però è avvelenato, la campagna elettorale durissima. Lo stesso Pujol e il suo successore Artur Mas sono accusati di avere conti segreti in Svizzera». Tutto qui.

Si può immaginare che Jordi Pujol abbia condizionato il rilascio dell’intervista alla non menzione dello scandalo. Oppure che l’intervista fosse pronta da tempo e che non sia stato possibile aggiornarla rispetto agli ultimi fatti per indisponibilità dell’interlocutore. Ma c’è anche un’altra ipotesi: El Mundo è di proprietà dal 1992 del gruppo Rizzoli Corriere della Sera, che possiede la maggior quota di capitale della società editrice Unidad Editorial, con sede a Madrid. Che l’intervista sul Corriere sia in qualche modo un atto di riparazione per l’attacco ad alzo zero su El Mundo, che ha fatto dire ad Artur Mas che ci si trova di fronte a «gioco sporco» proveniente «dalle fogne dello Stato»? Certo che è curiosa questa divisione del lavoro all’interno del gruppo Rizzoli Corriere della Sera: a Madrid un’inchiesta giornalistica che sembra distruggere la figura morale e politica del più prestigioso leader catalanista del dopo-Franco, a Milano un’intervista che lo mostra come un leader saggio che evidenzia gli errori di governi e forze politiche spagnoli più che le ragioni intrinseche per un’indipendenza che comunque «dovrà essere una separazione amichevole e prima di tutto democratica». La prossima puntata, dopo le elezioni di domenica.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Oriol scrive:

    Alla fine lo scandalo fu che la notizia era inventata dal giornale El Mundo, con la complicità della polizia spagnola, per far perdere dei voti al partito di Pujol.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana