Google+

La stanza del buco a Milano è un «vecchio arnese» che «spazzerebbe via trent’anni di studi anti-droga»

marzo 13, 2014 Redazione

Il Corriere della Sera asfalta in un editoriale la proposta avanzata al Consiglio comunale da Radicali, Sel e Pd

La stanza del buco proposta al Consiglio comunale di Milano? «Un vecchio arnese» scongelato chissà come «da qualche ghiacciaio», un «fossile» che però «avrebbe il potere di spazzare via studi, esperienze di cura, valutazioni di trattamento formulate negli ultimi trent’anni in materia di cura delle tossicodipendenze». È una critica insolitamente decisa ai «sostenitori della proposta (Radicali, ma anche Sel e Pd)» quella che appare oggi, a firma dello psichiatra Furio Ravera, come editoriale nel dorso milanese del Corriere della Sera.

BASTA «STRIZZARE L’OCCHIO». Ravera se la prende con la «serena rassegnazione» con cui la società sta accoglie l’indiscutibile aumento della diffusione delle droghe (il medico cita segnatamente eroina, cocaina, anfetamine), anche tra i giovani. Una rassegnazione che spinge a concedere a queste «pericolose sostanze» un «tacito diritto di cittadinanza» quando non «a strizzare l’occhio» a chi ne fa uso. La stanza per drogarsi, secondo lo psichiatra, fa parte di questa sciagurata tendenza.

«SQUALLORE, ASSURDITÀ». Sognano «file ordinate di tossicodipendenti con il loro involtino, acquistato da uno spacciatore, si noti bene, che avrà avuto la cura di tenersi lontano dall’ingresso di quelle camere, per non turbare i buoni cittadini», scrive Ravera. Ma «di che sicurezza parla chi ha fatto questo sogno? (…) La si coglie la condizione di squallore evocata da questo scenario? La si coglie l’assurdità dell’idea del “personale professionalmente formato allo scopo”? A quale professione si fa riferimento ed a quali formatori?».

LA VIA PIÙ DIFFICILE. La realtà insegna che servono «interventi medici specialistici» per trattare «collassi, sincopi, arresti respiratori», ovvero i tipici «incidenti da droga». E poi per aiutare i tossicodipendenti «è molto più utile pensare di allestire reparti piccoli ed agili per la disintossicazione» per aiutare gli “addicted” della droga «a credere nella possibilità di liberarsi dalla sua schiavitù con programmi di sostegno adeguati che riaccendano la speranza di rifarsi una vita». È vero che rispetto alla stanza del buco questo è «un approccio difficile», ammette Ravera, «ma è l’unico che contenga il rispetto di chi sta annegando nella sua dipendenza».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Ellas says:

    La stanza del buco è una manna per gli spacciatori. Se verrà attuata loro saranno i primi finanziatori. orrore!

  2. Antonio says:

    degrado morale senza pari.

  3. Giovanna says:

    E poi gli omosessuali hanno già le loro stanze del buco personale.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi