Google+

La Spagna fa marcia indietro e ritira la legge sull’aborto? El Mundo è sicuro: «Non arriverà in Parlamento»

settembre 16, 2014 Redazione

La proposta di legge, secondo il suo autore Ruiz-Gallardón, doveva essere approvata entro la fine di settembre. Il Partito popolare di Rajoy non ha ancora confermato né smentito la notizia

Il governo spagnolo potrebbe ritirare la legge che limita l’accesso all’aborto. Lo ha scritto domenica El Mundo e il condizionale è d’obbligo perché nessun membro del Partito popolare, guidato al governo dal presidente Mariano Rajoy, ha ancora confermato la notizia.

LA NOTIZIA. Anzi, alla fine di luglio l’autore della legge e ministro della Giustizia Alberto Ruiz-Gallardón aveva affermato che il provvedimento sarebbe stata approvato entro la fine di settembre. Ma ora, secondo quanto dichiarato in forma anonima a El Mundo da alcuni esponenti del partito di maggioranza e del governo, «la legge non raggiungerà neanche il Parlamento perché non c’è consenso all’interno del partito».

LA NUOVA LEGGE. La legge fa parte del programma con cui il Partito popolare ha vinto le elezioni nel 2011. Il progetto di legge è stato presentato a dicembre con lo scopo di modificare il testo precedente, varato nel 2010 da Zapatero, considerato tra i più permissivi al mondo. Il nuovo testo permette l’interruzione di gravidanza solo in caso di stupro e pericolo «serio e durevole» per la salute fisica e psichica della madre, pericolo che dovrà essere certificato da due medici. L’aborto dopo la 14esima settimana sarà vietato. Per frenare le proteste, è stata anche aggiunta la possibilità di abortire in caso di malformazioni del nascituro «incompatibili con la vita».

PROBLEMA ELETTORALE? Mentre il Partito socialista canta vittoria, il Partito popolare non ha ancora confermato la notizia di El Mundo, secondo il quale la legge sarebbe dovuta arrivare tra pochi giorni sui banchi del Parlamento. Sempre il quotidiano spagnolo afferma che la marcia indietro sarebbe stata decisa per non perdere voti in vista delle elezioni del 2015, data la natura fortemente divisiva del provvedimento.

«VI DO LA MIA PAROLA». La notizia è arrivata come un fulmine a ciel sereno visto che solo martedì scorso un voto a scrutinio segreto proposto dal Partito socialista per fermare la legge è stato bocciato con 183 voti contro 151. Il Partito popolare, insomma, ha votato compatto. Se la legge venisse ritirata, il ministro della Giustizia Ruiz-Gallardón si troverebbe poi in grande difficoltà. Aveva infatti dichiarato a inizio mese: «Vi do la mia parola che le urla e gli insulti non mi faranno abbandonare l’impegno di regolare i diritti delle donne e dei nascituri. Stiamo parlando della difesa di diritti fondamentali».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. mucchina says:

    Mi auguro la legge vada in porto. L’aborto è semre un omicidio, ma nellimpossibilita di tormare indietro con la mentalità di oggi, è meglio la nuova legge della zapateriana.

  2. Valentina says:

    Ma la Spagna vuole tornare al Medioevo? Nessuna donna può essere costretta a portare avanti una gravidanza indesiderata.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download