Google+

La soluzione alle polemiche sui costumi olimpionici è lo stile Borat

luglio 30, 2012 Elisabetta Longo

I nuotatori non si sono ancora nemmeno tuffati in acqua che già sorgono le polemiche riguardo al costume che gli atleti della nazionale inglese indosseranno per competere nelle gare olimpiche. Pare infatti che il magico ingegno possa avvantaggiare chi lo usa rispetto a chi invece fa uso di un qualsiasi costume da vasca. Un po’ […]

I nuotatori non si sono ancora nemmeno tuffati in acqua che già sorgono le polemiche riguardo al costume che gli atleti della nazionale inglese indosseranno per competere nelle gare olimpiche. Pare infatti che il magico ingegno possa avvantaggiare chi lo usa rispetto a chi invece fa uso di un qualsiasi costume da vasca. Un po’ come faceva lo Speedo, il costume superspeciale brevettato apposta per Michael Phelps, che era in grado di ridurre l’attrito dell’acqua sul corpo del nuotatore. Così tanto che dal 2009 è stato vietato.

A firmare il costume delle Olimpiadi 2012 è stata l’Adidas, che ha chiamato testarlo il campione australiano Ian Thorpe, che si è accorto della differenza sotto sforzo fisico. Il materiale con cui è fatto il costume ha infatti la capacità di assorbire il 32 per cento in meno di acqua rispetto ai tradizionali materiali da piscina, eliminando gran parte del peso per il nuotatore. In realtà tutte le grandi aziende sportive stanno studiando materiali sempre più performanti, che possono aiutare l’atleta a concentrarsi solo sullo sforzo che sta compiendo, sui limiti che sta sorpassando. Fanno notare dall’Adidas che anche il costume che userà Britta Steffen, nuotatrice tedesca, peserà 100 grammi, mentre quello che usava nel 2008, alle olimpiadi di Pechino, ne pesava ben 208. Ryan Lochte, nuotatore statunitense, scherza in merito alla polemica: «Fosse per me potremmo anche gareggiare con il costume di Borat. Lì sì che raggiungeremmo il limite minimo di peso».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana