Google+

La sinistra non è la destra. Il premier può andare a Roma per Wojtyla e nessuno dirà che sta tradendo la laicità francese

aprile 15, 2014 Leone Grotti

L’attuale premier francese Valls andrà a Roma il 27 aprile. Ma quando il primo ministro di Sarkozy nel 2011 andò alla beatificazione di Giovanni Paolo II, il partito socialista parlò di attentato alla laicità

Manuel Valls si recherà a Roma il prossimo 27 aprile per rappresentare la Francia alla canonizzazione di Giovanni Paolo II e Giovanni XXIII. Non c’è niente di scandaloso nella partecipazione a un evento così importante da parte del neo premier in forza al partito socialista, tranne che per l’idea traviata di laicità propugnata proprio dal partito socialista francese.

«DECISIONE SCIOCCANTE». Quando infatti il premier Francois Fillon, durante la presidenza di Sarkozy, decise di partecipare alla beatificazione di papa Wojtyla lo stesso partito socialista parlò di decisione «scioccante», diramando questo comunicato a firma Axel Urgin: «Questa decisione rappresenta una rottura con la tradizione diplomatica stabilita e rispettata da tutti i suoi predecessori secondo la quale il nostro paese non viene rappresentato a questo tipo di manifestazioni a meno che non riguardino un francese».

DUE PESI, DUE MISURE. Secondo l’allora segretario nazionale con delega alla laicità e alla diversità, «venendo da parte di Nicolas Sarkozy questa decisione non ci sorprende ma resta particolarmente scioccante». Ora che la stessa decisione è stata presa da un premier socialista, nessuno nel partito sembra lamentarsi evidenziando l’utilizzo di due pesi e due misure. Forse la Francia non è più «una Repubblica indivisibile, laica, democratica e sociale che assicura l’uguaglianza davanti alla legge di tutti i suoi cittadini senza distinzioni religiose»? Oppure l’idea di laicità del partito socialista è semplicemente «marcia» (Laurent Lafforgue dixit)?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. beppe scrive:

    viene la nausea tutte le volte che si devono confrontare le reazioni di partiti e stampa di fronte ai diversi comportamenti dei politici. la sinistra gode sempre di un occhio di riguardo. loro sono gli ELETTI e gli ILLUMINATI. e mi disgusta di più che la massa dei pecoroni di sinistra si beva tutto come oro colato.

    • filomena scrive:

      Caro Beppe,
      chi si considera popolo eletto non è la sinistra laica ma i cattolici conservatori di destra. Essere non credenti e tenersi fuori dalle gerarchie eclesiastiche è solo coerenza. La religione non dovrebbe avere capi di stato ma occuparsi di anime, non di fare politica che è molto terrena.

  2. michelangelo scrive:

    @ filomena. L’uomo non è fatto a compartimenti stagni tanto da dividere l’anima dal corpo; la carità per esempio fatta ad una persona affamata è preziosa per l’anima di chi la compie quanto per la persona che la riceve materialmente con il cibo, cosa molto “terrena” come dici tu. La religione cristiana è una Persona :Gesù Cristo, diventato “carne” (molto terreno) per redimerci. Pertanto chi crede deve vivere la propria fede in modo molto “terreno” per portare frutto secondo lo spirito. Chi ha orecchi per intendere intenda

    • filomena scrive:

      Far politica con la religione però è diverso dall’aiutare qualcuno anche perché si può farlo senza essere credenti. Ci sono tantissime associazioni di volontariato che aiutano il prossimo senza far proselitismo.

      • ftax scrive:

        Filomena, come al solito hai pisciato fuori dal vaso…
        Ne abbiamo piene le scatole di farisaici che celebrano il sabato e ammazzano il Cristo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana